Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

«Nuova Alitalia verso due newco» Obiettivo partenza il primo giugno

ROMA – Un’inchiodata improvvisa, simile a una frenata nello spazio di un metro. E’ così che Giuseppe Leogrande, commissario unico di Alitalia in amministrazione controllata, riassume le condizioni operative dell’ex compagnia di bandiera, durante l’emergenza Covid 19. Così come tutte le altre aziende del trasporto aereo Alitalia è reduce da un bimestre senza precedenti. L’attività è ormai ridotta al 10% (49 voli al giorno, anziché 500) di quanto avviene in condizioni ordinarie, il mese di marzo è stato archiviato con un calo dei ricavi del 76%, seguito da una flessione del 97% nel mese di aprile. In pratica, negli ultimi 30 giorni la compagnia ha incassato solo 5 milioni di euro, rispetto ai 160 milioni segnati nel mese di aprile 2019. Un contesto che Leogrande, intervenendo in audizione alla Camera, definisce «un crollo verticale».

Ai deputati della commissione Trasporti il commissario ha anticipato il quadro delle prossime settimane. L’emergenza sanitaria ha reso ancora più urgente il ricorso alla cassa integrazione, la domanda per gli ammortizzatori sociali riguarda 6.800 lavoratori e la richiesta sarà firmata al ministero del Lavoro nei prossimi giorni. Un ulteriore passaggio cruciale è fissato per l’1 giugno, scadenza per l’avvio della nuova compagnia suddivisa in due newco, «una prenderà in affitto il ramo CityLiner (la compagnia regionale) e una — ha specificato Leogrande — prenderà in affitto il ramo di Alitalia». Questa seconda newco disporrà di una flotta di 92 aerei, contro gli attuali 113. Sul varo dell’operazione all’inizio del mese di giugno il commissario ha, peraltro, ricordato quanto sia «ambizioso» l’obiettivo, ventilando uno slittamento, alla luce dei numerosi adempimenti richiesti dal decollo della nuova compagnia. In commissione Leogrande ha fornito anche l’aggiornamento sul fronte dei potenziali acquirenti a cui cedere l’ex vettore nazionale. Sono arrivate tre manifestazioni di interesse: Sinergy Group, una cordata rappresentata dal Gruppo Almaviva e Us Aerospace Partners. Lo scenario non piace ai sindacati, che temono uno spezzatino e chiedono di essere ricevuti dal governo.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sulla carta è stata una riunione “informale” — durata quasi quattro ore — per mettere a pun...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da domani 1° dicembre il sequestro conservativo su conti bancari di altri Paesi Ue potrà effettiva...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sconto Ires del 50% per le Fondazioni bancarie e nuovo regime Iva per 298mila associazioni. Sono le ...

Oggi sulla stampa