Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Npl, a Credito Fondiario il leasing Intesa

«La cessione è solo l’ultima istanza», spiegava la settimana scorsa a Il Sole 24 Ore Giovanni Gilli, il responsabile della Capital light bank di Intesa Sanpaolo. Evidentemente la valutazione deve essere stata questa quando, nei giorni scorsi, la banca ha deciso, secondo quanto risulta a Il Sole, di disfarsi di 8mila contratti non performing di leasing facenti capo a Provis, società del gruppo attiva nel settore.
Ad aggiudicarsi il doppio portafoglio sarebbe stato il Credito Fondiario, alla sua seconda operazione nel segmento del leasing: un primo acquisto era stato siglato nel 2016 e un altro, per un importo decisamente superiore, sarebbe in dirittura d’arrivo. La transazione sarebbe avvenuta pro soluto, e vedrebbe inclusi tutti i rapporti giuridici derivanti da contratti di leasing risolti: in pratica da Intesa al Credito Fondiario sono stati trasferiti i contratti ma anche la proprietà dei beni in leasing, per lo più macchinari e automezzi. Dal canto suo, il Credito Fondiario, che oggi conta su oltre 4,5 miliardi di crediti in servicing, in parallelo al recupero dei beni mobiliari provvederà a cartolarizzare progressivamente i flussi in entrata. Una tecnicalità sperimentata, si diceva, lo scorso anno e che potrebbe essere replicata a breve.
Per quanto riguarda Intesa, l’operazione va nella direzione delle cessioni mirate, di una taglia non smisurata che consenta pertanto di poter negoziare al meglio prezzo e condizioni. In parallelo, procede il processo di dismissione dei 2,2 miliardi lordi – secured e unsecured – al centro di un processo di cessione che vede la banca alla trattativa finale con Cerberus, Apollo e la cordata formata da Crc e Bayview: l’epilogo è previsto per fine marzo, e anche in questo caso il Credito Fondiario dovrebbe essere in campo, a fianco di Apollo.
Tornando a Intesa, ieri è stata individuata come uno dei sette player mondiali più evoluti in termini di profondità della trasformazione digitale: lo attesta il rapporto The state of digital banking 2016 pubblicato da Forrester Research.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

ROMA — Un’esigenza comune percorre l’Europa investita dalla seconda ondata del Covid-19. Mai c...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — L’Italia è pronta ad alzare le difese, e si allinea con l’Unione europea, nei confront...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

MILANO — Nel giorno in cui il consiglio di Atlantia ha deliberato il percorso per uscire da Aspi, ...

Oggi sulla stampa