Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Notifica cartelle e pignoramenti, dal 1° settembre il Fisco riparte

Il Fisco – dopo la pausa dovuta alla pandemia – torna a utilizzare tutti gli strumenti coattivi nei confronti dei contribuenti. Dal 1° settembre ripartono cartelle, pignoramenti e ganasce fiscali. In assenza di modifiche legislative la moratoria delle attività dell’agente della riscossione scade il 31 agosto. E, sempre dal 1° settembre, ripartono anche le verifiche delle pubbliche amministrazioni per pagamenti oltre 5mila euro.

Sospensione della riscossione

In forza del decreto Cura Italia del 2020, a partire dall’8 marzo 2020 e fino al 31 agosto 2021 – dopo l’ultima proroga disposta con il decreto Sostegni bis – sono sospesi i pagamenti nei confronti di Agenzia delle Entrate – Riscossione. Per effetto della normativa, durante il periodo di blocco non si possono notificare le cartelle di pagamento. Da ciò, l’agenzia delle Entrate ha desunto il divieto di svolgere qualsiasi operazione di recupero coattivo.

La ripresa delle operazioni

Dal 1° settembre, in assenza di un nuovo altolà del Governo, l’agente della riscossione può far ripartire la notifica delle cartelle di pagamento: si stima 60 milioni di atti. Certo, ci sarà una certa gradualità. Lo ha confermato anche il direttore delle Entrate al «Sole» il 28 luglio: «Per evitare un ingorgo difficilmente gestibile – ha detto in un’intervista – abbiamo previsto un piano di smaltimento che consente una distribuzione nel tempo, in coerenza con i termini stabiliti dal legislatore, a cominciare dagli atti in scadenza».

Per ciò che attiene le operazioni di recupero coattivo, occorre fare una distinzione. I contribuenti che, all’8 marzo 2020, avevano debiti già scaduti – rivenienti ad esempio da vecchi accertamenti non impugnati – potranno da subito essere raggiunti da atti di pignoramento. Nei confronti invece dei debitori che, alla stessa data dell’8 marzo 2020, avevano dilazioni in essere, poiché questi hanno tempo sino alla fine di settembre per versare le rate sospese (si veda l’altro articolo in pagina), le attività di recupero dovranno attendere almeno il 1° ottobre.

Riprendono inoltre dal 1° settembre le trattenute delle quote stipendiali provenienti da pignoramenti presso terzi attivati nei confronti dei datori di lavoro.

Atti esecutivi e cautelari

Dalla prossima settimana – ferma restando la distinzione tra debiti già scaduti e non – l’agente della riscossione potrà pertanto notificare atti di pignoramento, anche presso terzi. Si pensi al pignoramento del conto bancario o del canone di locazione. Se tuttavia è decorso oltre un anno dalla notifica della cartella di pagamento, prima di avviare la procedura di esproprio l’Agenzia dovrà notificare una intimazione a pagare le somme dovute entro cinque giorni.

Sarà altresì possibile adottare le misure cautelari del fermo amministrativo dei veicoli e dell’ipoteca. Per entrambe, tuttavia, l’apposizione del vincolo deve sempre essere preceduta dalla notifica, rispettivamente, del preavviso di fermo e del preavviso di ipoteca. Questi devono contenere l’invito a pagare il debito con l’agente della riscossione entro 30 giorni.

Verifiche degli enti pubblici

Con la fine della moratoria, ripartono anche le verifiche svolte dalle pubbliche amministrazioni. Quando un ente pubblico deve pagare a qualsiasi titolo somme maggiori di 5mila euro – ad esempio, per appalti e forniture o per prestazioni professionali – prima deve controllare nelle banche dati dell’Agenzia se il beneficiario ha morosità di 5mila euro o più.

In caso di esito positivo, l’ente deve sospendere il pagamento per un importo corrispondente al debito scaduto, in attesa che l’agente della riscossione notifichi il pignoramento presso terzi.

Le ingiunzioni fiscali

La ripresa delle operazioni di recupero da parte della riscossione si estende anche alle ingiunzioni fiscali notificate dai comuni e dai concessionari privati della riscossione per le entrate locali. Durante il periodo di sospensione, infatti, sebbene sia ammessa la notifica dei nuovi accertamenti esecutivi, è inibito l’invio delle ingiunzioni nonché l’avvio di procedure di recupero coattivo. Attività che potranno pertanto ripartire anch’esse dal 1°settembre.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il terzo polo? Non è un'ossessione. Banco Bpm in saluto. Balliamo anche da soli. Leggi l'artico...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Lo studio della School of Management del Politecnico. Il virus ha certamente favorito l'uso del den...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Prende corpo il progetto di allargare l’Ape sociale e renderla strutturale, come forma per antici...

Oggi sulla stampa