Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Non si ferma la corsa dei BTp: spread a 174

Il mondo finanziario sembra girare decisamente alla rovescia quando in una giornata costellata da tensioni esterne (leggi Cina e Ucraina) gli investitori finiscono per acquistare la «periferia» e vendere il «centro» dell’Europa. Eppure a questo cambio di direzione, che peraltro si protrae ormai da qualche tempo, qualcuno riesce a dare anche spiegazioni.
Per esempio la rincorsa ai titoli di Stato italiani, spagnoli e portoghesi è una conseguenza della ricerca di rendimento da parte degli investitori. Dopotutto, nonostante la marcia di questi ultimi mesi, un BTp decennale ha sì ridotto il rendimento al 3,36% (minimi dal 2005) e lo spread sul Bund a 174 punti (livelli del giugno 2011), ma continua a offrire oltre il doppio di un titolo tedesco (1,52%) e altrettanto si può dire per i decennali di Madrid (3,30%) e Lisbona (4,44%).
Sulle Borse, posto che Francoforte ha raggiunto i massimi storici di recente (e ha guadagnato il 155% negli ultimi 5 anni distanziando il resto del Vecchio Continente) c’è anche da mettere in conto la maggior «sensibilità» che gli analisti assegnano alla Germania per le possibili conseguenze del duello Mosca-Kiev. Così può anche non stupire che il Dax ceda lo 0,91% nello stesso giorno in cui il Ftse Mib ha guadagnato lo 0,58%, l’Ibex lo 0,30% e il Psi portoghese lo 0,66 per cento.
La Borsa tedesca ha sofferto anche oltremisura l’altro fattore di disturbo della giornata: il dato deludente sull’export cinese diffuso nel fine settimana (di cui si parla in modo più approfondito nell’articolo a fianco), che ha condizionato pure l’andamento delle materie prime, dei listini azionari asiatici e di quelli dei Paesi emergenti. È stata invece una giornata di «tregua» sui mercati valutari, con l’euro poco sotto quota 1,39 dollari. La divisa comune resta sempre vicina ai livelli di guardia e «chiaramente non lascia contenti» i banchieri della Bce, come ha ammesso il governatore della Banca di Francia, Christian Noyer.
Wall Street invece non è riuscita a festeggiare nel modo più consono i cinque anni di «toro» (anniversario che in realtà cadeva domenica 9 marzo): un lustro in cui New York si è risollevata dalla fossa e ha guadagnato il 177% per merito soprattutto degli oltre 3.500 miliardi dollari di liquidità pompati nel sistema finanziario da quella Federal Reserve che adesso inizia a ridurre le iniezioni con il suo «tapering». L’S&P 500 ha chiuso a -0,02% e il Nasdaq a -0,04%, con le orecchie rivolte naturalmente a Washington.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa