Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nomine, oggi il test di Borsa

La Borsa apprezza le novità, purché siano nel segno della tranquillità. Guarda con occhi favorevoli ai cambiamenti, purché restino nel solco della continuità. E, soprattutto, di una logica più industriale che politica. A giudicare dalle performance di ieri dei titoli Enel, Eni, Terna e Finmeccanica a Piazza Affari, si direbbe che gli investitori preferiscano la rottamazione «soft» alle sorprese: tutti i titoli interessati ieri dal cambio al vertice hanno infatti chiuso in rialzo, eccetto Finmeccanica che ha perso il 2,12%. Motivo: le indiscrezioni che circolavano in Borsa sulle nomine (confermate in tarda serata dagli annunci ufficiali) mostravano scelte nel segno della continuità per Eni, Enel e Terna, ma ipotizzavano discontinuità (con l’arrivo di Mauro Moretti dalle Ferrovie) in Finmeccanica.
Questo ha probabilmente creato ansia a Piazza Affari. «Il problema non è nel nome di Moretti – spiega un investitore che preferisce restare anonimo –, quanto nella possibilità che un outsider possa cambiare il piano di dismissioni di Finmeccanica. Il mercato apprezza le aperture di Pansa sulla cessione di AnsaldoBreda e di Ansaldo Sts, per cui teme che un nuovo vertice possa invertire la rotta». Insomma: va bene cambiare, «rottamare» e rinnovare, ma senza stravolgere ciò che piace al mercato. Per questo per tutta la seduta di ieri la Borsa ha moderatamente apprezzato la rosa di nomi che circolava (Claudio Descalzi all’Eni, Francesco Starace o Luigi Ferraris all’Enel): perché rappresenta un cambiamento, ma non uno stravolgimento industriale. Mentre la reazione è stata fredda ad un eventuale insediamento di Moretti in Finmeccanica.
Alla fine, ieri sera, le nomine sono arrivate ufficialmente. E hanno confermato le indiscrezioni della giornata: Descalzi e Starace sono i nuovi amministratori delegati di Eni ed Enel, mentre Moretti passa dalle Ferrovie a Finmeccanica. Così i commenti raccolti tra gestori, trader e analisti ormai tornati a casa sono stati in linea con l’andamento di Borsa della giornata: moderatamente positivi. «Francesco Starace parla la lingua che gli investitori vogliono ascoltare – osserva uno degli addetti ai lavori moderatamente ottimista –. Anche la scelta di Descalzi è positiva, perché nel segno della continuità. Entrambi rappresentano per il mercato una svolta non traumatica, pur con un positivo cambio generazionale». «Quella di Descalzi è una nomina che segue una logica industriale e non politica», commenta con favore alla Reuters l’analista di una banca d’affari italiana. Che aggiunge: «Descalzi rappresenta la continuità della politica di Scaroni e questo implica anche un’accelerazione sulla cessione di alcuni asset, come Saipem». Un loro collega è invece più “freddo”: «La continuità va bene ma fino a un certo punto – commenta sotto tutela dell’anonimato –. A mio avviso era meglio una bella pulizia».
Paolo Balice, Presidente dell’Aiaf, ha una visione più ampia. Ma ugualmente favorevole: «In un certo senso il ritorno della politica con la “P” maiuscola al governo, pur senza la totale legittimazione ricollegabile alla elezione diretta del premier e nel contesto anomalo delle “strette intese”, sembra non impedire la nomina di tecnici puri nelle partecipazioni pubbliche». Salutata con favore anche la svolta “rosa”, con le nomine di Luisa Todini alla presidenza di Poste, di Emma Marcegaglia a quella di Eni e di Patrizia Grieco all’Enel. Positiva la reazione di Marco Rosati, amministratore delegato di Zenit Sgr, che nel pomeriggio si chiedeva: «E le donne?». «Ovviamente – osserva un analista – per capire il ruolo effettivo delle presidentesse bisognerà capire come saranno ripartite le deleghe». Ma questa è un’altra partita.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa