Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Niente Pec nel processo penale

No all’utilizzo della posta elettronica certificata nel processo penale. In quanto a differenza di quello civile, nel processo penale per la parte privata (avvocato), non c’è alcuna legge che consente l’uso di tale mezzo informatico di trasmissione quale forma di comunicazione. Questo è quanto si legge nella sentenza 10 febbraio 2014 n. 7058 della terza sezione penale della Cassazione. Gli ermellini ricordano che nel processo civile l’art. 366 cpc, comma 2 ha introdotto espressamente la Pec quale strumento utile per le notifiche degli avvocati autorizzati. In tale contesto assume rilevanza la disposizione di cui all’art. 4 del dm n. 44 del 2011 che prevede l’adozione di un servizio di posta elettronica certificata da parte del ministero della giustizia in quanto ai sensi di quanto disposto dalla legge n. 24 del 2010 nel processo civile e nel processo penale, tutte le comunicazioni e notificazioni per via telematica devono effettuarsi, mediante posta elettronica certificata. Quest’ultima disposizione è stata rinnovata anche dal dl 179/2012 convertito con modificazioni dalla legge 221/2012 (decreto Crescitalia 2.0) dove all’art. 16 viene sancito che «nei procedimenti civili le comunicazioni e le notificazioni a cura della cancelleria sono effettuate esclusivamente per via telematica all’indirizzo di posta elettronica certificata risultante da pubblici elenchi o comunque accessibili alle pubbliche amministrazioni, secondo la normativa, anche regolamentare, concernente la sottoscrizione, la trasmissione e la ricezione dei documenti informatici. Allo stesso modo si procede per le notificazioni a persona diversa dall’imputato a norma dell’art. 148 cpp, comma 2-bis, art. 149 e 150 cpp e art. 151 cpp, comma 2. La relazione di notificazione è redatta in forma automatica dai sistemi informatici in dotazione alla cancelleria». Ne consegue, pertanto, che per la parte privata, nel processo penale, l’uso di tale mezzo informatico di trasmissione non è, allo stato, consentito quale forma di comunicazione e/o notificazione.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa