Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Niente panico in borsa

Comincia all’insegna degli acquisti la settimana sui mercati azionari. Piazza Affari ha guadagnato lo 0,44% a 22.189 punti. Rialzi frazionali anche nel resto d’Europa, con Francoforte in progresso dello 0,50%, Parigi dello 0,40% e Londra dello 0,12%. A New York il Dow Jones e il Nasdaq avanzavano rispettivamente dello 0,38 e dello 0,07%.

Lo spread Btp-Bund è sceso a 145.

A livello macroeconomico, il superindice degli Stati Uniti ha evidenziato un aumento dell’1,2% in ottobre, ben al di sopra del consenso degli economisti a +0,3%. Non ha provocato scossoni la notizia del mancato accordo politico in Germania per la formazione del governo.

A Milano in luce Mediaset (+4,21%), sostenuta dalle indiscrezioni relative al fatto che il gruppo potrebbe concludere un accordo con Vivendi su Premium entro metà dicembre. Tra i bancari, gran balzo di Creval (+47,67% a 1,27 euro), protagonista di un recupero dopo il crollo delle ultime sedute. Anche Banca Mps (+15,64% a 4,11 euro) ha effettuato un consistente rimbalzo. Intanto l’offerta di swap tra azioni e obbligazioni senior si è conclusa con adesioni pari all’83,7% dei titoli: le azioni verranno rilevate dal Tesoro, che potrebbe salire al 68% del capitale. In caduta libera B.Carige (-37,54%). Denaro su Banco Bpm (+2,69%), Bper (+1,65%), Ubi B. (+1,41%) e Unicredit (+0,36%), mentre ha chiuso debole Intesa Sanpaolo (-0,14%).

In progresso Telecom Italia (+0,59%): Mediobanca Securities (outperform, prezzo obiettivo 1,3 euro) apprezza il dialogo con il governo e ritiene che la separazione della rete, con cessione di una quota di minoranza, creeerebbe valore. Vendite, invece, su Mediobanca (-3,65%), B.Mediolanum (-2,86%), Terna (-2,03%), Atlantia (-0,70%) e Tenaris (-0,25%), che hanno pagato lo stacco del dividendo.

Nel resto del listino in luce Geox (+3,08%) e La Doria (+2,66% a 16,61 euro): su quest’ultima Edison I.R. ha alzato il fair value da 15,54 a 16,90 euro, sottolineando che la società ha riportato un’impressionante crescita dei ricavi a cambi costanti nei nove mesi. In spolvero Carraro (+13,04% a 4,37 euro): Banca Imi ha migliorato il target price da 3,8 a 6,2 euro confermando la raccomandazione buy, alla luce del costante miglioramento delle prospettive del mercato. La stessa casa d’affari ha portato il rating di Marr (+2,63% a 21,5 euro) da hold a add, con l’obiettivo che cresce da 22,8 a 23,9 euro per tener conto dell’aggiornamento dei multipli e della valutazione basata sul discounted cash flow.

Nei cambi, chiusura in ribasso per l’euro a 1,1740 sul dollaro. Per le materie prime, quotazioni petrolifere in calo, con il Brent a 61,77 dollari (-95 centesimi) e il Wti a 55,85 (-70 cent). Forti vendite sull’oro, che cedeva 14 dollari a 1.280.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sono sessantasei i fascicoli di polizze infortuni in favore dei dirigenti di cui si sono perse le tr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Questo shock senza precedenti potrebbe causare qualche vittima tra le banche». Un Ignazio Visco i...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Non sarà possibile avere il Recovery Fund in funzione dal primo gennaio 2021 e anche il Bilancio ...

Oggi sulla stampa