Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nexi-Nets, intesa allo sprint finale Sia resiste al Covid

È attesa tra domani e giovedì la scadenza dell’esclusiva, volta a definire un possibile accordo tra il gruppo Nexi e la danese Nets per una aggregazione.

Al lavoro sono gli advisor delle parti (Hsbc, Centerview e Mediobanca per Nexi e i fondi e Jp M0rgan e Credit Suisse per Nets). Domani è previsto un Cda di Nexi, formalmente sui conti del trimestre, ma non è da escludere che ci possa anche essere un’accelerazione proprio nelle prossime ore per la possibile intesa con Nets. L’obiettivo è infatti quello di creare il polo internazionale fintech maggiore in Europa e superiore al colosso francese Worldline.

La fusione fra Nexi eNets avrebbe infatti un valore di 10 miliardi, mentre quella con Sia potrebbe fare salire il valore dell’entità combinata a oltre 20 miliardi. In questa nuova realtà, alla fine dunque di un doppio processo di aggregazioni, il primo azionista, a livello singolo, sarebbe Cdp, la Cassa Depositi e Prestiti, mentre a un livello simile, leggermente inferiore, ci sarebbero i fondi Hellman & Friedman (azionista di Nets) e Bain Capital e Advent, questi ultimi due soci sia di Nexi sia di Nets. I tre fondi insieme avrebbero però circa il 40%. Poi con pacchetti azionari più piccoli ci sarebbero altri gruppi come Clessidra, Intesa Sanpaolo, Poste Italiane e BancoBpm.

Nel frattempo, proprio ieri Sia ha chiuso i primi 9 mesi del 2020 con ricavi consolidati pari a 525,8 milioni di euro, in aumento quindi dello 0,5% sullo stesso periodo del 2019, di cui il 50% circa relativi alla base installata, a servizi a canone e alle attività di sviluppo, non impattati dalla contrazione dei volumi connessi alla pandemia.

I ricavi mantengono una diversificazione geografica in linea con il 2019, circa il 70% in Italia e 30% all’estero. L’Ebitda è pari a 194,9 milioni di euro con una flessione dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente e un margine al 37%.

Al 30 settembre 2020, l’indebitamento finanziario netto di Sia è pari a 716 milioni rispetto agli 812,4 milioni di euro a fine 2019, in significativo miglioramento grazie alla generazione di cassa del periodo. I costi del periodo sono stati pari a 330,3 milioni di euro (+1,4%) dovuto ai maggiori costi del personale (+1,3%) sostenuti per la crescita organica e il rafforzamento del team manageriale, e i maggiori costi operativi (+1,5%) relativi ad adeguamenti normativi, allo sviluppo di nuove piattaforme tecnologiche e, in generale, all’incremento della capacità di processing. L’obiettivo del gruppo è mantenere lo stesso livello di ricavi generato nel 2019 attraverso la realizzazione delle iniziative strategiche di sviluppo e di crescita incluse nel piano industriale approvato nel febbraio 2020.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa