Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nexi, con l’Open Banking la condivisione dei dati diventa un nuovo business

Concedere la visibilità dei propri dati bancari con l’obiettivo di ottenere nuovi servizi oppure gli stessi servizi in modalità più efficienti. E’ questa la sfida dell’Open Banking lanciata da Nexi, la tech company specializzata nei pagamenti digitali e leader nell’emissione e nella gestione di carte di credito in Italia.

«Sono le banche che, previo consenso del cliente, azienda o privato, rendono visibili i dati bancari ad altri istituti, alle fintech, a gruppi assicurativi, che sulla base delle informazioni così raccolte sono in grado di fornire servizi nuovi o a costo inferiore ai clienti finali», spiega Roberto Catanzaro, direttore del business development di Nexi. Nello scambio di informazioni tra le banche (e i loro clienti) e i potenziali fornitori di servizi innovativi Nexi svolge un ruolo centrale. «Attraverso la nostra piattaforma Cbi – Globe siamo in grado di condividere le informazioni con altre società, da noi selezionate e di cui siamo partner, ad esempio con le fintech, o grandi gruppi tech come Microsoft, o ancora altre banche e compagnie assicurative», spiega Catanzaro. Un esempio della funzionalità dell’Open Banking è quello dell’ottimizzazione della gestione dei conti correnti. «Se un cliente, supponiamo, ha due o più conti correnti, sulla base dei dati resi visibili può intervenire un nuovo operatore per offrire, magari attraverso una app, un servizio di gestione congiunta dei conti come se fossero uno solo allo scopo di ottimizzare i flussi in entrata e in uscita», dice Catanzaro.

In realtà le possibili applicazioni, riferite ai privati e alle aziende, sono innumerevoli. Le compagnie assicurative sono in grado fornire servizi ad hoc alle aziende o ai singoli; le banche riescono a erogare il credito in maniera alternativa, velocizzando i processi e raggiungendo un grado migliore di conoscenza dell’affidabilità del cliente; le società di wealth management possono offrire servizi di robo-advisor per una gestione automatica e a basso costo delle opzioni di investimento.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa