Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nexi ingloba anche Nets e diventa prima in Europa Cdp socio di riferimento

Nasce il nuovo gigante europeo dei pagamenti digitali Nexi che, prima di fondersi con l’italiana Sia, convolerà a nozze con la danese Nets. Partito dall’ex Istituto Banche Popolari, sotto la guida di Paolo Bertoluzzo (al timone dall’estate 2016), e grazie alla fusione italiana con il gruppo controllato da Cdp, in cinque anni Nexi è diventato un colosso da 22 miliardi di capitalizzazione, 2,9 miliardi di fatturato, 1,5 miliardi di margine operativo lordo e circa 10 mila persone. Le acquisizioni di Sia e Nets sono state inoltre fatte tutte in azioni Nexi, in modo da non appesantire le aziende di debito (che dai bilanci delle tre società ammonta a circa 4,7 miliardi) anzi grazie ai maggiori flussi di cassa (stimati in 1,2 miliardi all’anno) la leva si ridurrà più velocemente.
Le nozze Nexi -Nets -Sia portano la società italiana a superare il leader francese Worldline, e ora che il suo primo azionista diventa un gruppo come la Cassa Depositi e Prestiti (che avrà il 17% del nuovo gruppo), la società potrà guardare ancora più lontano e fare progetti e investimento di lungo periodo. Grazie all’acquisizione del gruppo danese Nexi diventa leader nei paesi nordici dove più si usa la carta di credito (con punte fino al 70% del totale delle transazioni), ma anche in mercati meno maturi come Polonia (3% del fatturato pro forma consolidato) e Germania (9%), che hanno tassi di crescita a doppia cifra.
L’Italia resta e resterà determinante: rappresenta il 54% dei ricavi e continuerà a crescere anche grazie alle politiche che incentivano i pagamenti digitali, sostenute dal governo per la lotta all’evasione. Solo un pagamento su quattro realizzato in Italia è digitale, ma in futuro l’uso del contante è destinato a diminuire. Fatto sta che nei 25 paesi Ue, dove Nexi ha una posizione di leadership, vengono realizzati il 65% dei consumi europei e il gruppo guidato da Bertoluzzo gestisce il 33% delle transazioni, con ampi margini di ulteriore crescita. Ma diventando un grande gruppo europeo, Nexi avrà anche la scala per realizzare sinergie sui ricavi e sui costi (stimate in 320 milioni), in mondo da liberare più risorse da investire in tecnologia e nelle piattaforme per i sistemi di pagamento di Sia da esportare all’estero. Con l’operazione gli investimenti passano da 150 a una stima di 300 milioni all’anno. Diventando più grande Nexi sarà anche meno dipendente dai suoi maggiori clienti a iniziare da Intesa Sanpaolo (che è azionista e si diluirà dall’11 al 5%). I primi cinque clienti della nuova Nexi, tra cui figurano i maggiori istituti tricolori, rappresentano meno di un quinto del fatturato (il 19% del pro forma 2019).
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con un’accelerazione tipica delle fasi critiche il sistema bancario sta ridefinendo la sua nuova g...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Siamo poco in ritardo » nella stesura del Recovery Plan italiano. Il premier Giuseppe Conte ammet...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Tre anni di pressoché continua crescita di dividendi globali andati in fumo in un colpo solo, in qu...

Oggi sulla stampa