Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

“Nessun commissariamento” via Nazionale tranquillizza i mercati Vertice segreto Grilli-Draghi

La Banca d´Italia assicura che per il Montepaschi, travolto dallo scandalo, non c´è alcuna ipotesi di commissariamento e lo stesso messaggio lo lancia anche il nuovo presidente, Alessandro Profumo. Non vi sono cioè “azioni immediate” per l´istituto, secondo quanto annunciato dal governatore Ignazio Visco, a Davos. E su una delle domande-chiave contenute nella lunga istruttoria che accompagna il “si” di via Nazionale ai Monti Bond, indispensabili per salvare la banca senese, ovvero se i 3,9 miliardi siano sufficienti o no, la risposta che trapela è rassicurante: sì, con l´operazione appena autorizzata, la dotazione di Mps sarebbe adeguata agli impegni del gruppo senese. Per ora, almeno. «Posso confermare che questo è l´ammontare di cui abbiamo bisogno», giura Fabrizio Viola, l´amministratore delegato.
Ma evidentemente la faccenda preoccupa le autorità monetarie e pure l´Eurotower. Ieri c´è stato un faccia a faccia top secret tra il ministro dell´economia, Vittorio Grilli, e il presidente della Bce, Mario Draghi. L´incontro è avvenuto nella sede milanese del ministero, secondo la conferma secca della stessa Eurotower. Non solo: oggi la questione sarà sviscerata da Visco e Grilli durante il vertice del “Comitato per la stabilità finanziaria”, convocato non a caso per la mattina al Tesoro: vi partecipano anche i vertici della Consob e dell´Isvap. Nel pomeriggio, il ministro riferirà in Parlamento fatti, circostanze e tutti «gli aspetti della realtà corrente», come li definisce il premier, Mario Monti.
In Borsa, il titolo dapprima parte in sprint, poi chiude il lieve rialzo; nella seduta viene scambiato il 10% del capitale. I consumatori annunciano un ricorso al Tar contro i Monti-bond. La Fondazione Mps, primo azionista storico della banca, è pronta a farsi da parte per sopravvivere, cedendo un pacchetto di partecipazioni; un documento interno sul riassetto ipotizza che scenda sotto la soglia del 33,5%.
Una girandola di contatti precede i due appuntamenti istituzionali di oggi. Il più importante per i riflessi d´immagine dello scandalo all´estero vede il governatore della Banca d´Italia a colloquio con i colleghi stranieri, riuniti a Zurigo per esaminare le “vulnerabilità” del sistema finanziario globale e i progressi per rafforzare il sistema di regole. L´istituto è «solido», ripete Visco, e così pure il sistema bancario nazionale. Il presidente del Financial stability board, il canadese Mark Carney che ha rimpiazzato Draghi alla testa dell´organismo chiamato dal G20 a riscrivere il sistema finanziario del domani, ci tiene a far sapere che Mps è «un caso isolato», che non si tratta di «un problema globale”.
E dunque, niente commissariamento. Ma forse c´è altro, nel futuro della banca. Il sottosegretario all´economia, Gianfranco Polillo, parla per esempio di nazionalizzazione: «E´ una opzione». E spiega: «Ancora oggi non sappiamo quant´è la solidità patrimoniale. Se il patrimonio si rivelasse del tutto insufficiente, allora si può pensare anche un´ipotesi di nazionalizzazione alla svedese». In questo Paese, «lo Stato intervenne nel capitale delle aziende, le risanò e poi le rimise sul mercato». Il presidente Mps Profumo ripete che sta cercando «un socio stabile e perbene» che sottoscriva per 1 miliardo di euro l´aumento di capitale che l´istituto dovrà varare entro il 2015.
Si vedrà. Nell´attesa, Monti fa sapere che il rapporto banche-politica va corretto. «Non è più quello intriso di abbracci reciproci come vent´anni fa: lo è meno, ma è ancora troppo».

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa