Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nel 2017 nuove sofferenze a livello pre-crisi

Il calo delle nuove sofferenze già osservato l’anno scorso è destinato a rafforzarsi nei prossimi due anni e nel 2017 i nuovi ingressi in sofferenza delle imprese industriali torneranno a svilupparsi a un ritmo normale e ai livelli pre-crisi. È un barometro in via di rasserenamento, grazie al ritorno della crescita, quello che emerge dalla terza edizione dell’Outlook sulle nuove sofferenze delle imprese, presentato da Abi e Cerved. Un rapporto che elabora stime e previsioni dei tassi di ingresso in sofferenza di 64 gruppi omogenei di società non finanziarie, distinguendo in base al territorio, al settore e alla fascia dimensionale delle imprese. Secondo la ricerca, complessivamente, il tasso di ingresso in sofferenza delle imprese (misurato come rapporto tra numero di nuovi contratti che decadono e totale dei contratti in essere) scenderà dal 3,7% del 2015 al 3% del 2016, per attestarsi al 2,4% alla fine del 2017. Si tratta del valore minimo dal 2009, anche se ancora superiore rispetto al 2008 (1,7%). Nel settore delle imprese industriali però, sottolinea il rapporto, si torna ai livelli registrati prima della crisi.
Guardando alle stime per fascia dimensionale, tra il 2015 e il 2017, i miglioramenti saranno diffusi ma più accentuati per le imprese di minore dimensione: le piccole imprese vedranno una riduzione dei tassi di entrata in sofferenza dal 3,2% all’1,9% (-1,3 punti percentuali) e le micro-imprese dal 4% al 2,5% (-1,5 punti percentuali). Le medie e le grandi aziende continueranno a mostrare tassi di decadimento più bassi (rispettivamente 1,4% e 0,9% nel 2017), ma nel loro caso i miglioramenti saranno minori (-1,2 punti per le medie e -0,9 punti percentuali per le grandi). Il gap fra micro-imprese e grandi imprese è dunque destinato a stringersi, passando dagli attuali 2,2 agli 1,6 punti del 2017.
Se si guarda allo spaccato per settori di attività, le rilevazioni di Abi e Cerved indicano che nell’industria le nuove sofferenze saranno nel 2017 a livelli molto vicini a quelli pre-crisi: il tasso è previsto, infatti, all’1,9% e solo un decimale in più rispetto al 2008. Solo per le microimprese industriali i tassi saranno superiori a quelli pre-crisi, mentre le nuove sofferenze di piccole, medie e grandi società manifatturiere scenderanno a livelli inferiori a quelli del 2008. Anche nel settore delle costruzioni ci si attende un deciso miglioramento (i tassi passeranno dal 5,8% del 2015 al 3,9% del 2017) però i livelli pre-crisi resteranno distanti. Il tasso nei servizi scenderà al 2,1% (dal 3,5% del 2015), restando comunque superiore al 2008 di 0,6 punti percentuali. Tenderanno inoltre a restringersi i divari territoriali: nel Centro e nel Mezzogiorno, infatti, si avranno miglioramenti più marcati che al Nord. Le imprese del Nord Est e del Nord Ovest resteranno, in ogni caso, le meno rischiose (con tassi dell’1,8% e dell’1,9% rispettivamente) mentre quelle del Centro e del Mezzogiorno rimarranno quelle più a rischio (2,8% e 3,6% rispettivamente). In nessuna delle quattro aree geografiche italiane, in media, le sofferenze scenderanno al di sotto dei livelli pre-crisi. Commenta Giovanni Sabatini, direttore generale dell’Abi: «I dati più recenti e le proiezioni sulle nuove sofferenze confermano la natura fisiologica del fenomeno, visto che registrano miglioramenti a seguito del recupero del quadro macroeconomico». Naturalmente, aggiunge, «il tema di una quanto più rapida riduzione dello stock di sofferenze accumulato durante la crisi resta e le ulteriori iniziative e misure messe in campo forniscono un importante contributo proprio per ridurre l’ammontare dei crediti deteriorati». Secondo Marco Nespolo, ad di Cerved, il calo delle nuove sofferenze previsto per i prossimi anni è un elemento importante per superare il problema dei crediti deteriorati, ma non l’unico: «È necessario abbattere in tempi brevi lo stock di sofferenze attraverso cessioni a operatori specializzati: in questo senso, sarà decisivo che le norme recentemente approvate abbiano successo nel ridurre in modo significativo i tempi di recupero dei crediti, così da innalzare le valutazioni di chi investe in crediti deteriorati».

Rossella Bocciarelli

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Almeno per ora il pericolo è scampato. Ma è difficile capire quanto ancora la rete di protezione l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Mario Draghi ha deciso di scrivere personalmente il nuovo Recovery Plan italiano. Lo farà insieme a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Gli sherpa sono al lavoro per invitare Mario Draghi nella capitale francese. Emmanuel Macron vorrebb...

Oggi sulla stampa