Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Nasce il primo aggregatore di conti non bancario

Consultare e confrontare i diversi conti correnti arrivando a far partire operazioni e pagamenti da un’unica app. È un servizio che già diverse banche mettono a disposizione dei loro clienti grazie agli effetti della Psd2. Ora queste opportunità si stanno estendendo anche a operatori non strettamente bancari e ad attori innovativi. È il caso di Utego, che ha ottenuto da Banca d’Italia l’autorizzazione a operare come Aisp, diventando così il primo provider di estrazione non bancaria a poter fornire il servizio di aggregazione dei conti dei clienti.

«L’indipendenza è uno dei nostri valori più importanti. Significa dare la possibilità ai cittadini di aggregare i propri conti in un ambiente in cui nessuna banca abbia la loro stessa vista (o consapevolezza) di insieme», sottolinea Stefano Musso, Ceo e cofounder di Utego. La startup, reduce da un finanziamento in crowdfunding un anno fa che ha raccolto 510mila euro a una valutazione post money di 2,5 milioni, prevede di far partire la funzionalità di aggregazione finanziaria a fine settembre, con il lancio della app. In realtà la app è già disponibile sugli store digitali con la funzionalità di marketplace, dove sono presenti le informazioni sui servizi finanziari disponibili sul mercato: per settembre anche questa funzionalità sarà completata con una serie di partnership con operatori innovativi in ambito fintech e insurtech, permettendo agli utenti di accedere direttamente ai servizi dei singoli operatori. Per metà 2021 l’offerta di Utego, che sta trattando per un ulteriore round da due milioni di euro, sarà completata con l’asta finanziaria che permetterà ai singoli risparmiatori di aggregarsi per ottenere condizioni di investimento migliori.

Intanto anche Revolut ha annunciato il lancio dell’aggregazione di conti per i suoi oltre 400.000 clienti retail e business in Italia. La nuova funzionalità di open banking permetterà di collegare i conti Intesa Sanpaolo, UniCredit, Ubi Banca, Banco Bpm e Poste Italiane al conto della challenging bank permettendo di consultare tutti i saldi e le transazioni dall’app Revolut. Sarà inoltre possibile impostare il controllo del budget e avere sempre un quadro completo di tutte le spese degli account non-Revolut, ottenendo quindi maggiore controllo sulle proprie finanze. Per il futuro, Revolut sta programmando di permettere ai clienti italiani anche di ricaricare il proprio conto Revolut tramite il servizio di open banking e includere ulteriori banche, cosí come la possibilità di collegare conti di banche straniere.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Quota 100 non è solo la misura pensionistica del governo Conte 1. È anche il numero di miliardi ch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dieci giorni per tener fede agli accordi del 14 luglio. Se entro il 10 ottobre non si chiuderà la p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Bce potrebbe far cadere il suo tabù più grande: consentire all’inflazione di salire temporane...

Oggi sulla stampa