Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Per N26 100mila clienti-utenti

Il traguardo dei 100mila utenti è un risultato che fa ben sperare sul successo in Italia di N26, la mobile bank tedesca che strizza l’occhio ai millenials ma soprattutto sta rivoluzionando il tradizionale rapporto banca/cliente grazie ad un utilizzo veloce e intuitivo. Esperienze simili ci sono sia in Italia (come Buddybank, la banca digitale di UniCredit, disegnata però solo per iPhone) sia in Gran Bretagna (Starling Bank e Revolut). Ma quello che rende diversa N26 da tutte le altre realtà presenti sul mercato è l’innovativa infrastruttura tecnologica. Nata a Berlino nel 2015 ha ottenuto la licenza bancaria dalla Banca Centrale Europea nel 2016, diventando così una banca a tutti gli effetti, vigilata dall’authority tedesca Ad oggi N26 è presente in 17 mercati europei con un team di oltre 430 dipendenti basati a Berlino e conta oltre 1 milione di clienti. «Il forte sviluppo del business e del tasso di crescita sono il frutto di un’infrastruttura tecnologia flessibile e d’avanguardia – sottolinea Matteo Concas, general manager in Italia – che permette agli utenti di vivere un’esperienza di utilizzo più semplice che coniuga le esigenze di immediatezza e sicurezza, proprie dei dispositivi mobile. In Europa siamo tra le banche a più rapida crescita e l’Italia dopo Germania e Francia è il nostro terzo mercato. In Europa contiamo di raggiungere nel 2020 5milioni di utenti, di questi 500 mila saranno i residenti in Italia». In 8 minuti si apre un conto e poi con la carta si possono prelevare contanti da qualsiasi ATM senza commissioni, gestire in sicurezza il conto corrente con un clic direttamente dall’app che attiva e disattiva pagamenti online, blocca e sblocca la tua carta, imposta i limiti di prelievo e di pagamento, riceve notifiche push in tempo reale, inviare, ricevere o richiedere denaro agli amici istantaneamente con il MoneyBeam o Pagare con la Mastercard N26 usando Apple Pay, nei negozi, online e su app. E via chat, email o telefono si può sempre contattare il customer service in italiano per qualsiasi problema. A seconda delle necessità si possono scegliere 4 diversi conti il cui costo (da zero a 16,90 euro al mese) varia in base ai servizi accessori collegati. In Italia solo dal 2019 saranno estese le partership con altri player fintech nell’ambito degli investimenti e del risparmio.

Lucilla Incorvati

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Il caso Unicredit-Mps, che ha posto le premesse per il passo indietro dell’ad Jean Pierre Mustier ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con il lockdown la richiesta di digitalizzazione dei servizi finanziari è aumentata e le banche han...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il Credito Valtellinese ufficializza il team di advisor che aiuterà la banca nel difendersi dall’...

Oggi sulla stampa