Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mutui, stop Ue al tasso minimo

Restituzione integrale a favore del correntista delle somme indebitamente pagate in base a una clausola floor.

È illegittimo, infatti, limitare gli effetti della nullità della clausola «di tasso minimo», inserite nei contratti di mutuo ipotecario. Questo il principio stabilito dalla Corte di giustizia Ue, con la sentenza del 21/12/2016, resa nelle cause riunite C-154/15, C-307/15 e C-308/15.

Nel caso specifico alcune sentenza spagnole hanno riconosciuto il diritto alle restituzione delle somme pagate dal debitore a partire dalla data della sentenza, e non dal momento in cui la clausola «floor», ritenuta abusiva, è stata applicata dalla banca.

Le clausole in questione prevedono che, anche se il tasso d’interesse diviene inferiore ad una certa soglia («tasso minimo») definita del contratto, il consumatore deve continuare a pagare interessi quantomeno equivalenti a tale soglia senza poter beneficiare di un tasso inferiore.

La Corte spiega che il giudice nazionale deve semplicemente disapplicare la clausola abusiva.

La clausola vessatoria deve essere considerata come se non fosse mai esistita e non produca quindi alcun effetto vincolante nei confronti del consumatore.

Dalla dichiarazione del carattere abusivo della clausola deriva il ripristino, per il consumatore, della situazione in cui egli si sarebbe trovato in mancanza di tale clausola. Alla dichiarazione del carattere abusivo delle clausole «di tasso minimo» deve seguire la restituzione degli importi che la banca ha indebitamente acquisito a discapito del consumatore. Restituzione di tutti gli importi incassato e non solo di quelli successivi alla vicenda giudiziaria.

Quindi la limitazione nel tempo degli effetti discendenti dalla nullità delle clausole «di tasso minimo» priva il consumatore del diritto a ottenere la restituzione delle somme indebitamente versate all’istituto di credito. Una limitazione di questo tenore incide illegittimamente sulla tutela del consumatore. Invece la tutela del correntista deve essere adeguata ed efficace.

Antonio Ciccia Messina

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Le previsioni della Commissione europea sull’economia dell’Unione e dell’Italia rappresentano ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Con un coordinamento esemplare, le due maggiori economie mondiali hanno rilasciato una "doppietta" d...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il 2021 offre un parziale esonero contributivo, pari a un massimo 3mila euro, a lavoratori autonomi ...

Oggi sulla stampa