Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mutualità prevalente, basta la X

Per la dichiarazione della condizione di prevalenza della mutualità nelle cooperative non occorre allegare alcuna documentazione ma solo contrassegnare il campo corrispondente in sede di deposito del bilancio. È quanto emerge dalle Faq rese note dal MiSe che ha fornito una prima guida per gli adempimenti delle coop in occasione della campagna bilanci 2014.

Gli adempimenti per le coop

A seguito dell’entrata in vigore della nuova modulistica per la compilazione delle domande e delle denunce da presentare all’ufficio del registro delle imprese per via telematica, ricordiamo, fra le principali novità nell’ambito dei Moduli S1, S2 e B, l’inserimento di nuovi riquadri per le società cooperative con i dati per il R.I., il Rea e per l’Albo delle società cooperative in sostituzione del modulo C17.

Dal 1° febbraio 2014, quindi, come indicato dal «Manuale operativo Unioncamere per il deposito dei bilanci», il modulo C17 non dovrà più essere utilizzato per la dichiarazione di permanenza delle condizioni di mutualità prevalente, essendo stato sostituito dal riquadro dedicato nel modello B. In quest’ultimo è stato aggiunto il nuovo riquadro Bilancio cooperativa contenente i dati da utilizzare per la verifica dei requisiti per le cooperative a mutualità prevalente che saranno integrati con i dati presenti nel prospetto contabile della situazione patrimoniale in formato XBRL.

Da quest’anno, inoltre, specifica il MiSe, non viene più richiesto il n. di iscrizione all’albo delle coop perché l’identificazione della cooperativa avviene mediante il codice fiscale/numero rea dell’impresa.

Nelle faq si puntualizza, poi, che nella compilazione del nuovo quadro del modello B, per le cooperative sociali va flaggata la dichiarazione di permanenza delle condizioni di mutualità prevalente, anche per dette coop per la quali la mutualità prevalente è «di diritto». L’apposizione di tale flag comporta la compilazione dei dati relativi alla prevalenza, che non venivano richiesti con il Mod. C17. Il MiSe, infatti raccomanda di compilare tutti i campi richiesti obbligatoriamente dal sistema, ma anche i campi non richiesti obbligatoriamente e per i quali si dispone del valore relativo, sia se si raggiunge e supera il 50% sia se non lo si raggiunga.

I dati inseriti nel riquadro

I dati inseriti nel riquadro Cooperative del modulo B non comportano variazioni nelle informazioni attualmente registrate presso l’Albo o il Registro imprese. Qualsiasi variazione viene acquisita solo se comunicata mediante la compilazione del riquadro 31 del modulo S2, mentre i dati del modulo B vengono utilizzati esclusivamente per la verifica e conferma della mutualità prevalente.

Il MiSe chiarisce, infine, che se i dati compilati nel riquadro del modulo B attestano la perdita della mutualità prevalente è necessario effettuare altre comunicazioni all’Albo. Da un punto di vista operativo è necessario inviare al R.I. una pratica con modello S2 indicando nello specifico riquadro 31 i nuovi valori di Sezione/Categoria, informazioni queste, di pertinenza sia dell’Albo che del Registro.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa