Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Murdoch stringe per «Sky Europa»

Il destino di Sky Europa, eterea entità in teorica via di formazione, potrebbe compiersi nel volgere di due settimane. Tanto ci vorrebbe per la definizione di un’offerta di BSkyB a Fox, un derby in casa Murdoch (fa capo a Rupert e famiglia il 39% della pay tv inglese) capace di rivoluzionare il mondo della televisione a pagamento dell’Unione. Le voci diffuse nel week end indicano che già venerdì, quando BSkyB diffonderà i risultati, emergeranno dettagli di un progetto che incrocia il cammino dell’altra partita del tycoon d’origine australiana: il tentativo di mettere le mani su Time Warner.
L’operazione Sky Europa prevede l’acquisizione del 100% di Sky Italia e del 57% di Sky Deutschland, oggi in pancia a Fox per una cifra che veleggia fra 9,3 e 10,8 miliardi di euro, secondo stime diffuse da Bloomberg, ma viste con sospetto nella City. Il dubbio riguarda il valore dell’emittente italiana che le stesse valutazioni pongono entro una forchetta fra i 3 e i 5 miliardi di euro. Troppo secondo molti analisti, alla luce dell’incertezza sulla capacità di crescita di Sky Italia. «Diversa è la percezione – precisa Toby Syfret di Enders analysis, società specializzata nella ricerca su tv e telecomunicazioni – di Sky Deutschland che, nonostante abbia una base di clienti più piccola, è in crescita e vede profitti». Nel caso tedesco ci sarà però da risolvere la questione relativa alla quota di minoranza, a quel 43% che non appartiene a Fox e che BSkyB dovrà acquisire in un secondo momento. Uno scenario che gli analisti considerano molto probabile nonostante Fox abbia ottenuto l’ok dell’antitrust tedesco di superare il 30% per Sky Deutschland senza dover lanciare un’offerta obbligatoria sulla totalità del capitale. Non è affatto certo che la stessa condizione sia garantita alla pay tv britannica nell’ipotetico consolidamento europeo del gruppo. Meno preoccupazione suscitano, invece, i regolatori europei che già avevano valutato sia gli incroci del gruppo Murdoch nell’Unione sia il livello di concorrenza fra diversi players delle telecomunicazioni.
Gli scenari sono ancora tutti da definire, ma le conseguenze di un deal del genere finirebbero per riverberarsi direttamente sulla tentata operazione Fox-Time avviata da Rupert Murdoch. Anzi una corrente di pensiero suggerisce che sia proprio l’esigenza di far cassa per finanziare il mega deal americano ad aver spinto il tycoon ad immaginare Sky Europa. Terminata la cessione è stato calcolato che Fox potrà aggiungere non meno di 8 miliardi di euro al tesoretto che ha messo in campo che non è risultato sufficiente a convincere Time Warner a uno storico matrimonio. L’offerta da 80 miliardi di dollari circa, già rifiutata, potrebbe essere corretta al rialzo con i danari del riassetto europeo.
I motivi per credere in una voce che nessuno vuole confermare ufficialmente ci sono tutti e non sono affatto nuovi. Al di là dell’esigenza di cassa per Time, Rupert Murdoch già nel 2010 aveva tentato di dare vita a Sky Europa. Il percorso, all’epoca, prevedeva un investimento di 8 miliardi di sterline per rilevare la totalità di BSkyB e da lì procedere al consolidamento europeo. Lo scandalo News of The World fece fallire un progetto che ora riemerge tracciando uno scenario capace di rivoluzionare i grandi numeri della pay tv europea. «L’attuale trio di Sky tv – precisano a Enders analysis – copre cinque paesi: Irlanda, Regno Unito, Germania, Austria e Italia, e una fusione creerebbe un gruppo da 20 milioni di abbonati con almeno 12 miliardi di revenue». Le economie di scala sono evidenti. Non tanto sui costi quanto sulla potenza di fuoco per i diritti. «Non si vede – precisa Toby Seyfert – un immediata logica finanziaria, ma una forte logica strategica per un’operazione di questo tipo. Penso ai diritti non tanto, vista la struttura attuale, del calcio quanto dell’intrattenimento e di altri sport: dal golf, al ciclismo e a tutto il motoracing».
Si farà davvero questa volta? Venerdì, quando, salvo sorprese, BSkyB annuncerà ricavi in crescita del 5% al di sopra dei 7,6 miliardi di sterline, potranno giungere ulteriori indicazioni.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Alla fine, dopo un consiglio sospeso e riaggiornato a ieri pomeriggio, l’offerta vincolante per l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scatta l’operazione-pulizia del Recovery Plan. Dal primo giro di orizzonte del gruppo di lavoro di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni, la stampa è entrata improvvisamente nel mirino di alcuni governi in Europa del...

Oggi sulla stampa