Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps e Venete, Bruxelles fissa i paletti per lo Stato

Un incontro interlocutorio ma «costruttivo», quello dei vertici della Popolare di Vicenza al Mef. «Sono ottimista, soprattutto per la comprensione e il supporto ricevuto dal Mef e dalla Banca d’Italia», ha dichiarato Gianni Mion, presidente della Popolare di Vicenza, che accompagnava l’ed Fabrizio Viola all’incontro con il ministro Pier Carlo Padoan, il sottosegretario Pier Paolo Baretta e Carmelo Barbagallo e Fabio Panetta, per via Nazionale.
I numeri delle due banche insieme non sono rassicuranti ma il nodo resta soprattutto politico: si tratta di capire quali sono le precondizioni (accettate dalla Commissione) per chiedere l’intervento dello Stato per la ricapitalizzazione precauzionale. Che – come noto – non deve coprire le perdite pregresse. E qui sta il busillis della negoziazione con Bruxelles, perché si tratta di fissare parametri e precondizioni per considerare l’intervento dello Stato “precauzionale” e non un salvataggio. Ieri però c’è stato un passo avanti sul dossier analogo di Mps: «Abbiamo ricevuto dalla Bce le risposte alle nostre domande e questo ci permette di andare avanti», ha detto la responsabile della Concorrenza Ue, Margrethe Vestager, aggiungendo: «E ovvio che abbiamo un ruolo diverso». Per le due disastrate banche venete in questi giorni – e i cambi di prospettiva sono repentini e continui – si continua a negoziare. Secondo alcuni la settimana prossima potrebbe essere risolutiva, ma il quadro resta in forte evoluzione e il pallino non è in mano alle due banche. Complicazioni accessorie: capire come si muoverà Atlante e come coinvolgere i titolari di bond subordinati, che dovrebbero entrambi partecipare alla ricapitalizzazione . Il tentativo di trovare una soluzione accettata da Bruxelles e condivisa da Francoforte è in corso, l’alternativa è il bail in. Ieri intanto la Vestager ha aperto alla possibilità di compensazione degli azionisti, nel caso siano avvenute vendite abusive (misselling). «La responsabilità per correggere i casi di vendita abusiva spetta al venditore dei prodotti in questione per esempio le banche», ha specificato un portavoce dell’esecutivo Ue.

Vittoria Puledda

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa