Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps vede 1,1 miliardi di utili

Il Montepaschi riparte dal nuovo piano industriale e dall’aumento di capitale. L’a.d. Marco Morelli ha svelato i contenuti dell’azione di rilancio della banca. La ricapitalizzazione da 5 miliardi di euro partirà con ogni probabilità nei primi giorni di dicembre. Gli obiettivi parlano, per il 2019, di un utile pari a 1,1 miliardi di euro, con la cessione di 27,6 miliardi di crediti in sofferenza.
Chiuderanno 500 filiali e sono previsti 2.600 esuberi, con 300 assunzioni. L’istituto avrà 22.600 dipendenti.

L’assemblea è in programma per il 24 novembre. Sull’approvazione del piano Morelli non si sbilancia: «Per noi è difficile fare previsioni, vediamo cosa succede». In quell’occasione si parlerà anche degli investitori chiamati a rifinanziare le casse dell’istituto. «Gli attuali azionisti non si sono al momento pronunciati», ha spiegato l’a.d. Quanto alla partecipazione di investitori pubblici, come la Cassa depositi e prestiti, Morelli si è limitato a dire: «Non li ho sentiti e loro non hanno sentito me».

Quanto all’aumento, l’accordo di pre-underwriting sottoscritto con il consorzio di banche durerà fino al 31 dicembre. Le commissioni a favore del consorzio sono inferiori rispetto a quanto stimato dall’ex a.d. Fabrizio Viola nel suo piano di luglio. A proposito del piano Passera, Morelli ha commentato: «Mps ha la massima apertura a considerare chiunque sia in grado di dare un contributo all’operazione e al rafforzamento patrimoniale dell’istituto. Siamo assolutamente aperti a considerare qualunque proposta», purché continui «sulla strada chiara tracciata ogg». Il capoazienda si è mostrato ottimista sull’esito finale: «Siamo tranquilli che questa operazione avrà buon fine. Abbiamo tracciato un piano innovativo e senza precedenti di deconsolidamento di sofferenze e per la struttura dell’aumento di capitale. Cominceremo a negoziare con potenziali anchor investor. Siamo già stati approcciati da una serie di controparti».

L’istituto ha anche pubblicato i conti dei primi nove mesi, chiusi con una perdita di 849 milioni di euro, a causa di rettifiche straordinarie su crediti di 750 milioni contabilizzate nel terzo trimestre, rispetto all’utile di 585 mln dello stesso periodo del 2015. I ricavi sono scesi del 16,6% attestati a 3,418 miliardi.

Ieri, intanto, in borsa per Mps è stata una giornata sull’ottovolante. Il titolo, dopo avere toccato un massimo di seduta a 0,439 euro, ha ceduto alle prese di profitto per chiudere in calo del 14,99% a 0,295 euro. Varie le sospensioni durante la seduta e ancora molto consistenti i volumi: è passato di mano oltre l’11% del capitale.

Giacomo Berbenni

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Contro le previsioni, anche il fondo Bluebell avrebbe raggiunto la soglia minima del capitale Mediob...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doppio cda, per rispondere al governo. Oggi si riunirà prima Aspi, poi Atlantia. Non è detto che l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

llimity Bank ha finalizzato due nuove operazioni nel segmento 'senior financing' per un ammontare co...

Oggi sulla stampa