Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps rompe con i sindacati sui tagli

Mps chiude il dossier Biverbanca ma vede riaprirsi quello sull’esternazionalizzazione di 1.600 lavoratori. Le rappresentanze sindacali gridano allo sfascio e annunciano scioperi contro la cessione delle attività di back office (consorzio servizi, rete e società di gruppo) già annunciata nel piano di riassetto per risparmiare 2.400 buste paga; la banca spera di chiudere a giorni con la “cessione” dei soli dipendenti del consorzio servizi (1.600), ma è pronta a procedere senza accordo con lavoratori.
Alla scadenza della procedura non c’è stata fumata bianca. I sindacati avevano proposto misure volontarie per risparmiare i 90 milioni preventivati dall’azienda, ma le loro ipotesi colmavano metà della somma. E la controproposta del Monte, di limitare le esternazionalizzazioni ai 1.600 dei servizi, sono state rigettate. Il segretario Fabi, Lando Sileoni, ha detto: «Colpa di Mps,
che intende fare da apripista per esternalizzare lavorazioni e lavoratori che ritiene in esubero. Se passa il disegno è l’inizio della fine della categoria, con migliaia di esternalizzati in ogni gruppo». Sileoni cita «le ambizioni di chi vuole ritornare nel giro che conta calpestando i diritti dei lavoratori », allusione al presidente di Mps, Alessandro Profumo.
Un tassello invece sistemato, verso il piano 2015, è la cessione del 60,4% di Biverbanca a 203 milioni, abbozzata a giugno con Cassa di risparmio di Asti ma che s’era arenata per la perplessità degli altri soci sulla scissione pro quota del 2,1% dei titoli Bankitalia detenuti dal gruppo di Biella-Vercelli. Ieri gli astigiani hanno accettato le modifiche del Monte, che lasciano a Biver tutta la quota della vigilanza, salvo riavere fino a 100 milioni di euro se entro un decennio legislatore e Tesoro compissero il riassetto degli assetti proprietari di Via Nazionale, e ne sortisse una rivalutazione. Oltre all’incasso, che può avvenire anche in quote Bankitalia, Mps riduce il personale di 700 unità.
Sullo sfondo resta l’instabile azionariato: ieri fondazione Mps ha detto di avere ceduto sul mercato, a settembre, metà del 2,85% della banca «libera da vincoli» (le resta il 33,5%), per rimpinguare liquidità e risorse «nel medio termine ». Incasso 41 milioni, e una ventina di minusvalenze.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa