Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps risale in Borsa La Bce: “Ora torni a prestare denaro”

Il colpo battuto da Monte dei Paschi domenica sera riesce a stoppare l’emorragia di Borsa, dove l’azione della banca aveva perso il 40% la scorsa settimana, e ieri dopo una seduta di rimbalzo è salita dell’1,48% a 0,617 euro. La nota domenicale ha dato al mercato qualche certezza.
Che domani si riunirà un cda, per deliberare la copertura tramite aumento di capitale del deficit da 2,11 miliardi emerso dai test Bce. Che «non è allo studio» la conversione del miliardo di Monti bond, né «qualsiasi altra ipotesi veda il Tesoro intervenire con nuovi aiuti di Stato» (farebbero scappare gli investitori). Quindi: aumento, anche se sarà il quarto in sei anni. E forse, per renderlo più appetibile ai soci delusi, aumento con vista su una futura integrazione, dentro una grande banca o un fondo straniero. Al momento, però, questa “fase due” non è nel vivo: né sembra preludervi la misteriosa offerta di Nit Holdings, che ieri avrebbe avanzato una proposta da 10 miliardi per «la ristrutturazione del capitale di Mps». Un portavoce di Mps ha smentito proposte di Nit Holdings, inoltrate tramite lo studio legale Capecchi anche a Bce e Banca d’Italia. Nit è un fondo di Hong Kong, ma a Siena l’avance è considera poco seriamente.
Daniele Nouy, presidente del board di supervisione della Bce la vigilanza unica europea parte oggi – dice: «Mps paga una cattiva gestione del passato, ora trovi i fondi per continuare l’attività». Per Nouy, Mps «ritroverà la redditività tornando al mestiere più classico, la fornitura di credito specie alle Pmi». Nouy stima che tutte le banche che hanno fallito i test Bce rimedieranno ai deficit «con fonti private o tramite misure interne e accesso ai mercati».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa