Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps, primo rinvio a giudizio per Mussari a processo sugli appalti all´aeroporto di Siena

MILANO – Arriva il rinvio a giudizio per l´ex presidente del Monte dei Paschi, Giuseppe Mussari. Il manager, indagato dalla procura di Siena per lo scandalo della banca locale, è stato ieri rinviato a giudizio nell´ambito del procedimento per l´ampliamento e la privatizzazione dell´aeroporto di Ampugnano. Con lui a processo andranno altri otto imputati; la prima udienza è stata fissata per il 24 ottobre 2013. Ieri, dopo due rinvii di molti mesi e un ritardo di un paio d´ore perché l´aula per la sentenza era già occupata da un altro procedimento, il gup Monica Gaggelli ha preso la decisione: su 14 indagati 9 vanno a processo. Mussari è accusato di falso ideologico in concorso e turbativa d´asta. Per lo stesso capo di imputazione il gup del tribunale locale ha rinviato a giudizio due ex presidenti dell´aeroporto senese, Lorenzo Biscardi ed Enzo Viani, l´ex provveditore della fondazione Mps (ed ex consigliere di Mediobanca) Marco Parlangeli, l´ex consigliera della Cassa depositi e prestiti Luisa Torchia, l´ex amministratore di Galaxy Fund Corinne Suzanne Namblard – cui lo scandalo italiano è costato a fine febbraio il posto nel cda delle linee australiane Qantas – due componenti della commissione di valutazione della procedura di privatizzazione, Antonio Romoli e Raffaele Rizzi, e l´ultimo presidente di Aeroporto Siena, Claudio Machetti. Sono invece stati prosciolti i cinque indagati per i quali l´accusa aveva chiesto il rinvio a giudizio per concorso in abuso di ufficio: escono quindi dal processo Riccardo Raimondi, Roberto Tommasetti, Roberto Boccucci, Marcello Rustici e Aude Gwenola Chareton tutti prosciolti dall´accusa.
Come già scritto, quella sulla costruzione dello scalo di Ampugnano è “la madre di tutte le inchieste”, per gli inquirenti senesi. Lo scandalo che ha travolto Mps, il suo presidente tra il 2006 e il 2012 e la passata gestione, comincia qualche anno fa proprio con le indagini sulla gara per l´aeroporto. Ed è proprio in quell´occasione che la Procura di Siena inizia a sospettare anomalie gestionali nella banca. In effetti, gli intrecci con Mps e il ruolo di Mussari, che per gli inquirenti è il regista dell´ampliamento di Ampugnano, sono profondi. Il capitale dell´Aeroporto di Siena – i maggiori azionisti erano la Camera di commercio con il 49% e Mps con il 45% – fu aperto a un nuovo socio, il fondo lussemburghese Galaxy, partecipato al 40% dalla Cassa depositi, chiamato a investire in cambio di una concessione di gestione per 20 anni. Tuttavia quella privatizzazione avvenne, secondo gli inquirenti, «con una serie di atti fraudolenti testimoniati dai numerosi contatti tra i responsabili della procedura e le aziende coinvolte». Per l´accusa, la gara ebbe fin dal principio «un esito ben delineato», e la conferma degli indizi venne dalle intercettazioni, nelle email e nelle testimonianze raccolte dagli inquirenti. In sostanza Mussari, in accordo con tutti i potentati locali di Pd e Pdl, si adoperò perché Galaxy vincesse la gara di appalto per il progetto. E dalle intercettazioni di quell´inchiesta sono emerse anche tanti dettagli e retroscena che qualche mese dopo hanno permesso di aprire fascicoli di indagine su Mps sui filoni Antonveneta, derivati e banda del 5%, immobili.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Vietato giocarsi il futuro del Paese, usando la giustizia come pericoloso terreno di conflitto. O pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

C’è una gag, in vita Arenula. La riforma del processo civile, la più importante di tutte perché...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Da quando ha messo piede in via Arenula il 13 febbraio la giurista Marta Cartabia ha perseguito un o...

Oggi sulla stampa