Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps, obiettivo agroalimentare

Nuovi centri dedicati alle aziende agroalimentari con esperti di settore e soluzioni mirate per creare network, sviluppare sinergie, individuare opportunità, stimolare il confronto ed elevare le competenze specialistiche: sono gli obiettivi di Mps Agroalimentare, il progetto del Montepaschi per la valorizzazione delle imprese del settore agrifood. L’iniziativa è partita con l’inaugurazione di dodici centri specialistici dislocati nei principali distretti delle eccellenze italiane.

L’istituto senese ha ritenuto fondamentale offrire il proprio supporto per accompagnare le imprese italiane verso il cambiamento, proponendosi come interlocutore di riferimento con soluzioni mirate all’innovazione e alla sostenibilità. E questo partendo dai distretti con forte vocazione agroalimentare e con filiere produttive in grado di essere un volàno per lo sviluppo del territorio. I centri già aperti si trovano a Valdobbiadene, Asti, Suzzara, Modena, Firenze, Grosseto, Chieti, Sabaudia, Caserta, Battipaglia, Cerignola e Pachino.

I centri Mps Agroalimentare andranno a integrare l’offerta della banca con contenuti e soluzioni specifiche per intercettare le nuove opportunità di finanziamento comunitarie e nazionali a disposizione del settore nel decennio 2020-2030. È prevista la presenza di personale specializzato che, grazie a un percorso formativo strutturato, ha maturato competenze utili a orientare le aziende lungo percorsi di crescita innovativi e sostenibili.

Il progetto si inserisce nell’ambito del cambiamento del settore agroalimentare. La Commissione Ue ha lanciato il Green Deal, un programma finalizzato a raggiungere un’economia circolare, efficiente e sostenibile, nell’ambito del quale il settore agroalimentare ricopre un ruolo di primaria importanza. Pilastro di questo programma è la strategia Farm to fork (Dal produttore al consumatore) che vuole rendere il sistema alimentare europeo altamente sostenibile, chiamando le imprese a innovarsi e investire per cogliere vari obiettivi: dalla riduzione dell’uso dei pesticidi, degli antimicrobici e degli antibiotici, alla garanzia della fertilità dal suolo, fino al raggiungimento di almeno il 25% dei terreni coltivati a biologico.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa