Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps, il tonfo in Piazza Affari Arriva il piano taglia-costi

A freddo, digerita la notizia del weekend del maxi aumento di capitale da 2,5 miliardi imposto a Mps dalla Commissione europea, la Borsa ha colpito più duro: mentre lunedì aveva di fatto graziato la banca con un significativo ma non severo -2,5%, ieri un pesante -4,81% ha portato a quota 0,20 euro il titolo dell‘istituto presieduto da Alessandro Profumo e guidato da Fabrizio Viola.
Sul mercato hanno pesato le tante incertezze legate all’aumento di capitale e al piano di ristrutturazione. I timori sono di un fallimento della ricapitalizzazione da realizzare entro 12 mesi dall’ok della Commissione europea ai Monti bond (attesa entro due mesi): in quel caso — secondo l’accordo Tesoro-Commissione — i Monti bond saranno convertiti in capitale e il Montepaschi sarà di fatto nazionalizzato. L’opinione di banchieri d’affari, consulenti e analisti è unanime: la situazione è «complessa e difficile» e di non breve soluzione. Gli scenari possibili ipotizzano una soluzione strategica realizzata con un’altra banca, di fatto una integrazione con un soggetto italiano — magari controllato da altre fondazioni, escludendo comunque le big Unicredit e Intesa Sanpaolo — oppure con un gruppo straniero già presente in Italia come Bnp Paribas, Credit Agricole o Deutsche Bank, mentre appaiono meno concreti eventuali interessi di banche statunitensi, britanniche o russe: troppo onerosa la banca, grande e sindacalizzata, e troppo poco attraente il Paese dal punto di vista economico. La Banca d’Italia segue con attenzione le difficoltà di Mps e delle altre banche medio-piccole, ha ricordato ieri il governatore Ignazio Visco, sottolineando che in Italia vi sono stati nel settore del credito «episodi illeciti rilevanti ma circoscritti» (come appunto le vicende di Mps). E ha precisato che «ogni mancanza di capitale che emergerà dovrà essere coperta attraverso appropriate azioni entro il perimetro delle decisioni delle banche e con il ricorso al mercato». Come la maxi ricapitalizzazione di Rocca Salimbeni.
Il mercato ha anche dubbi su come Viola riuscirà a effettuare nuovi tagli e a far tornare la banca alla redditività. A Siena sono consapevoli che servirà «una cura shock», come ha chiesto lunedì sera il sindaco, Bruno Valentini. Le linee-guida del piano — già discusso con Tesoro, Banca d’Italia e Concorrenza Ue — saranno oggi presentate al consiglio di amministrazione della banca.
Dalle indiscrezioni il piano dovrebbe avere una durata quinquennale, così da rendere più agevole — fra le varie richieste della Ue — la «riduzione graduale» del portafoglio dei titoli di Stato, adesso pari a 23,4 miliardi. Circa il nuovo modello di business, si punterebbe al potenziamento della banca online e su un maggiore apporto del margine di intermediazione rispetto al margine di interesse. Inevitabili nuovi tagli al personale e alle filiali oltre alla vendita delle partecipate come Consum.it e della rete delle banche estere. L’approvazione del piano — i cui dettagli sono ancora oggetto di confronto con la Commissione — è attesa per il consiglio del 24 settembre.
Gli occhi sono anche puntati sulla Fondazione Mps, che ha il 33,4% della banca ma deve vendere per pagare i 350 milioni di debito residuo, diluendosi — dopo l’aumento di capitale — ben sotto il 10%, forse attorno al 5%. Per questo il pressing sulla nuova deputazione presieduta da Antonella Mansi è destinato a farsi più intenso per spingere la Fondazione a un’operazione strategica con un’altra banca. Potrebbe essere una vita per consentire all’ente di avere ancora un peso nelle decisioni e comunque di valorizzare al meglio la quota. Venerdì si riunisce la deputazione e si cominceranno a fare i conti. E a pesare le tante incognite .

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa