Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mps, in cda il punto sui tempi dell’aumento

I vertici di Banca Mps stanno affinando il calendario del piano di salvataggio. L’obiettivo è portarlo a termine in tempi rapidi, anche per limitare, o addirittura azzerare, i ritardi legati al ricambio delle settimane scorse, con l’uscita dell’ex amministratore delegato della banca, Fabrizio Viola, e l’arrivo di Marco Morelli.
Ieri si è fatto il punto in cda, che ormai si riunisce con cadenza settimanale. Secondo quanto sembra emerge, il nuovo capoazienda è al lavoro per lanciare l’aumento di capitale già nei giorni immediatamente successivi al referendum costituzionale del 4 dicembre, per chiudere l’operazione entro Natale, così come anticipato da Il Sole 24 Ore il 27 settembre scorso.
A suggerire fretta è soprattutto il mercato, visto che ieri il titolo ha chiuso in coda al listino, segnando un nuovo minimo storico: ha perso il 3,34% poco sopra i 16 centesimi, e ora la capitalizzazione supera a stento i 490 milioni di euro.
Intanto, i prossimi appuntamenti sono due cda in programma il 14 e il 18 ottobre. Subito dopo la presentazione del piano industriale, il 24 ottobre, partirà il roadshow e quindi l’assemblea straordinaria nella seconda metà di novembre che procederà anche alla nomina del nuovo presidente, la cui selezione è stata affidata a Spencer Stuart. In attesa del referendum, la conversione volontaria delle obbligazioni, quindi l’aumento vero e proprio, per un ammontare pari a cinque miliardi meno quanto raccolto con la conversione dei bond e con la sottoscrizione da parte di alcuni anchor investor (trattative aperte, e non facili, con il Golfo). Per quanto riguarda le obbligazioni, ancora non è stato stabilito se l’operazione riguarderà i soli possessori istituzionali, che detengono circa 2,6 miliardi di bond subordinati, o anche la clientela retail, che ne ha in tasca 2,4 miliardi.
Lanciando l’aumento di capitale entro la fine del 2016, se da una parte i vertici di Mps mettono in conto il rischio di impattare con le eventuali fibrillazioni politiche del post consultazione costituzionale, dall’altra scongiurano la pericolosa concomitanza con l’analoga operazione di UniCredit; senza contare che, per questioni bilancistiche e regolatorie, le prime settimane dell’anno non sono ritenute idonee per affacciarsi sul mercato: quanto meno, la Consob richiederebbe l’inserimento in prospetto delle prime evidenze del bilancio 2016, pronte non prima di metà febbraio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa