Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mora ridotta sui tributi a ruolo

Interessi moratori tagliati dal 4,88 al 4,13% annuo. Con un provvedimento firmato ieri, 27 aprile 2016, dal direttore dell’agenzia delle entrate, è stato ridotto il tasso degli interessi di mora per il ritardato pagamento dei tributi iscritti a ruolo (esclusi interessi e sanzioni). La disposizione, adottata dall’agenzia sulla base della stima dei tassi bancari medi del 2015 effettuata dalla Banca d’Italia, ha effetto a decorrere dal 15 maggio 2016. La norma di riferimento è rappresentata dall’art. 30 del dpr n. 602/73, il quale stabilisce che, decorsi inutilmente 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, scattano a carico del debitore gli interessi di mora, a partire dalla data di notifica della cartella e fino a quella del pagamento, al tasso determinato annualmente con decreto ministeriale sulla base della media dei tassi bancari attivi. La competenza a adottare il provvedimento è stata devoluta all’agenzia dall’art. 13 del dlgs n. 159/2015.

Gli interessi moratori in questione maturano sulle somme iscritte a ruolo, eccettuate quelle dovute a titolo di interessi e sanzioni. Altra cosa sono gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo delle somme dovute in base alla liquidazione ed al controllo formale delle dichiarazioni, nonché a seguito di accertamento dell’ufficio, previsti dall’art. 20 del dpr n. 602/73: la misura di questi interessi, dovuti a partire dal giorno successivo alla scadenza stabilita per il pagamento e fino alla data di consegna dei ruoli al concessionario, resta fissata al 4% annuo, come stabilito direttamente dal citato articolo 20.

In materia, si deve ricordare il recente intervento del citato art. 13 del dlgs n. 159/2015, nell’ambito della revisione della riscossione in attuazione della legge delega n. 23/2014. Questo articolo, finalizzato a razionalizzare gli interessi per il versamento, la riscossione e il rimborso di ogni tributo, uniformando tendenzialmente la misura degli interessi, prevede che il tasso di interesse per il versamento, la riscossione e i rimborsi di ogni tributo «è determinato possibilmente in una misura unica, nel rispetto degli equilibri di finanza pubblica, compresa nell’intervallo tra lo 0,5 e il 4,5%», demandandone la determinazione e la decorrenza a un decreto del ministro dell’economia e delle finanze. In via transitoria, fino all’emanazione del predetto decreto ministeriale, il predetto articolo 13 stabilisce che continuano ad applicarsi le disposizioni delle singole leggi d’imposta e del dm 21 maggio 2009; relativamente agli interessi di mora di cui all’art. 30 del dpr n. 602/73, si applica il tasso individuato annualmente con provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate.

Roberto Rosati

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Un voluminoso dossier, quasi 100 pagine, per l’offerta sull’88% di Aspi. Il documento verrà ana...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La ripresa dell’economia americana è così vigorosa che resuscita una paura quasi dimenticata: l...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ancora prima che l’offerta di Cdp e dei fondi per l’88% di Autostrade per l’Italia arrivi sul ...

Oggi sulla stampa