Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Monti: tagli mirati, non tocchiamo i servizi

ROMA — Il governo ha deciso di «scartare la via più semplice dei tagli lineari per accingersi a quella più complessa, ma strutturalmente più proficua, dell’analisi della struttura della spesa». È passata l’una del mattino quando, dopo sette ore di Consiglio dei ministri, Monti — il volto stanco di chi ha dovuto combattere — può infine presentare in conferenza stampa la sua creatura più attesa: il (secondo) decreto sulla spending review. Ci tiene subito a precisare che non si è trattato di «tagli lineari » e che tutti i ministri, contrariamente a quello che è filtrato dalla lunga riunione, «hanno dato prova di un grandissimo senso di responsabilità».
«La logica che ha ispirato l’intervento » — spiega quasi a voler anticipare le critiche di regioni, partiti e sindacati — «è stata quella di aumento della produttività della pubblica amministrazione, senza intaccare il livello dei servizi ». Una dichiarazione che andrà verificata visto la grandezza della correzione in termini di cassa. È lo stesso Monti a dare le cifre: «Il risparmio sarà di 4,5 miliardi per il 2012, 10,5 miliardi nel 2013 e 11 nel 2014». Ventisei miliardi in due anni e mezzo. Tagli che si vanno a sommare a quelli già pesantissimi decisi da Tremonti e Berlusconi. Ma intanto, rivendica il premier, «sarà possibile evitare l’aumento due punti percentuali dell’Iva che sarebbe scattato dal primo ottobre». Una sospensione che «vale per il 2012 e l’intero primo semestre del 2013». Poi si vedrà. Inoltre «sarà possibile estendere la clausola salvaguardia» ad altri 55 mila esodati, «anche se maturano i requisiti successivamente al 31 dicembre 2011». Sempre per gli esodati il governo ha trovato 1,2 miliardi per il 2014. Monti, tra i meriti della manovra, cita i fondi per il terremoto in Emilia-Romagna: oltre ai 500 milioni già stanziati ecco spuntare, grazie alla spending review, un miliardo per il 2013 e un altro miliardo per il 2014. Domani il decreto sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale. E «nelle prossime settimane» ne arriverà un terzo, «che riguarderà le agevolazioni fiscali, la revisione strutturale della spesa e i contributi pubblici sulla base delle analisi effettuate da Amato e Giavazzi».
Insomma, se all’inizio dell’esperienza di governo — «presi dall’urgenza e proprio per evitare i tagli lineari» — il premier riconosce di aver agito soprattutto aumentando le tasse, ora la musica è cambiata: «Questa impostazione ha richiesto diversi mesi in più ma porta a risultati più soddisfacenti».
Spetta al viceministro Grilli entrare nel dettaglio della manovra. D’ora in poi ci saranno «solo acquisti di beni e servizi centralizzati per tutta la pubblica amministrazione» da parte della Consip, «con pena di nullità per gli acquisti effettuati con altri canali». La scure colpisce i dipendenti pubblici: «La riduzione delle piante organiche sarà del 20% per la dirigenze e del 10% per gli altri livelli». Dimezzate le province «entro fine anno», dimezzate le auto blu, abolita la pratica delle (finte) consulenze per i dipendenti che vanno in pensione.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Bce si libera le mani per tenere i tassi ai minimi ancora a lungo, nella sfida decennale per cen...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Vivendi fa un passo indietro in Mediaset, e Fininvest uno in avanti nel capitale di Cologno monzese...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La riforma fiscale partirà con il taglio del cuneo, cioè la differenza tra il costo del lavoro e ...

Oggi sulla stampa