Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Monti promuove l’intesa: via ai fondi

Si rallegra con le imprese e i sindacati per «l’eccellente e duro lavoro di due mesi», sottolineando come non sia stato «facile trovare l’intesa, passo importante per il rilancio delle imprese e la tutela dei lavoratori». E poi dà quella conferma che le parti sociali si attendevano: l’accordo tra imprese e sindacati, non sottoscritto solo dalla Cgil, crea le condizioni per confermare le risorse stanziate nella legge di stabilità: e cioè 2,1 miliardi di euro destinati alla detassazione del salario di produttività. Il presidente del Consiglio, Mario Monti, l’ha detto ieri sera a imprese e sindacati, nella sala Verde di Palazzo Chigi, lo ha ripetuto alla fine dell’incontro nella conferenza stampa.
La Cgil, come era prevedibile già dalla vigilia, non ha aderito. Ma nonostante la mancanza della firma di Susanna Camusso, unica su nove organizzazioni, per il governo l’accordo è «completo, condiviso, autosufficiente», un «passo importante» per innalzare la produttività e la competitivtà del paese e renderlo più attraente per gli investimenti esteri, come hanno sottolineato sia Monti, sia il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, e come è scritto nel comunicato finale di Palazzo Chigi.
La Camusso, nonostante i ripetuti inviti del presidente del Consiglio, non ha voluto partecipare alla conferenza stampa finale. Resta l’auspicio che la Cgil possa avere una «evoluzione» della sua posizione e firmare «nell’interesse dei lavoratori e del paese», ha detto il presidente del Consiglio.
«Non c’è stata la volontà di isolare nessuno, né abbiamo messo una data entro cui trovare l’accordo. Sono le parti che hanno ritenuto maturi i tempi. La firma della Cgil sarebbe significativa, ma non per la validità dell’accordo che c’è dal punto di vista degli impegni del governo», ha detto Monti, sottolineando più volte che il governo ha sollecitato la trattativa, ma che imprese e sindacati l’hanno lavorato in piena autonomia.
Ora, come ha detto Passera, il prossimo passo sarà il varo del Dpcm per attuare i contenuti dell’accordo: verranno messe nero su bianco le modalità per poter accedere alla defiscalizzazione e chiarire le modalità di erogazione delle risorse, un lavoro che sarà fatto con le parti sociali. Passera ha anche detto che le risorse potrebbero ancora aumentare durante l’iter parlamentare, mentre il ministro del lavoro, Elsa Fornero, ha annunciato per la prossima settimana il provvedimento sulla partecipazione dei lavoratori, uno dei punti dell’accordo.
L’incontro a Palazzo Chigi è durato meno di due ore, aperto da Monti che ha sottolineato il momento economico che il paese sta vivendo e l’importanza del contributo delle parti sociali. Poi è intervenuto Passera, specificando l’entità delle risorse e che l’accordo non esclude nessuno dalle trattative contrattuali.
Subito dopo il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi, ha letto una sintesi del documento cui hanno aderito le cinque organizzazioni imprenditoriali, Confindustria, Abi, Alleanza delle Coop, Abi, Rete Imprese Italia, e dai sindacati Cisl, Uil e Ugl. A seguire, gli interventi dei sindacalisti, con la Camusso che ha confermato il suo no, e che è stata protagonista di un botta e risposta con il presidente del Consiglio: alla sindacalista che ha chiesto la detassazione delle tredicesime, Monti ha risposto che non è possibile per le condizioni di finanza pubblica. Dopodiché il governo ha sospeso la riunione per analizzare il documento. Mezz’ora di riflessione e poi la conclusione: accordo valido, le risorse ci saranno.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L'acquisto della banca senese potrebbe permettere al gruppo milanese di ridurre la distanza dal lead...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Negli ultimi giorni l’attenzione dei commentatori politici è stata focalizzata sulle modalità di...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo Conte bis è entrato in crisi proprio quando alcuni dossier economici di capitale importa...

Oggi sulla stampa