Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Monti, inizia il dopo-manovra

di Lina Palmerini

Ciò che resterà uguale anche nella seconda fase – espressione odiata da Mario Monti – sarà l'attitudine della "politica" verso il Governo. Ossia quella tattica double-face dei partiti svelata dallo stesso premier in Senato. In sostanza, il presidente del Consiglio, nel giorno del varo della manovra, ha fatto sapere a senatori e cittadini che in privato i leader lo sostengono mentre in pubblico lo attaccano per ragioni evidenti – e comprensibili – di propaganda. E ha pure messo in conto che continuerà così. Insomma, se sulla manovra continuano a piovere critiche dagli stessi «big» che l'hanno votata – come, per esempio, ha fatto ieri Silvio Berlusconi – Mario Monti (che oggi torna a Roma) si aspetta che sui prossimi provvedimenti le facce dei leader saranno ancora due. O di più. È proprio questo il rischio su cui si muoverà il Governo nelle prossime settimane: riuscire a mantenere un equilibrio (e anche una fermezza), mentre i partiti spareranno a zero su alcune riforme.
Si comincia già domani quando il Consiglio dei ministri comincerà a mettere in agenda i prossimi passi che il premeir Mario Monti potrebbe iniziare a illustrare alla conferenza stampa di fine anno prevista per dopodomani a Palazzo Chigi. Non ci saranno decisioni – se non alcune di tipo amministrativo – ma il premier comincerà a raccogliere le misure da mettere nel menù su cui poi verranno allestiti i tavoli di trattativa con partiti e sindacati. I grandi filoni saranno la riforma del mercato del lavoro e le liberalizzazioni e, nonostante sia stato accantonato l'articolo 18, i due dossier restano ad alta tensione sia per il Pd che per il Pdl che dovranno fare i conti con le loro disomogenità interne e con i loro elettorati di riferimento. Non è detto, infatti, che il tema del lavoro – sia pure depurato dal tabù-licenziamenti – non abbia dei capitoli potenzialmente esplosivi. Può esserlo il tema delle flessibilità – che non si esaurisce nell'articolo 18 – o gli arbitrati o la nuova architettura del welfare legata al lavoratore e non più al posto di lavoro.
Filoni su cui si sono esercitati, solo dialetticamente, all'interno del Pd già mostrando più di una divisione interna. E pure sulle liberalizzazioni – capitolo che si ritiene anche a ragione più divisivo e spinoso per il centro-destra – qualche frizione nel partito di Bersani ci sarà. Perché sui servizi pubblici locali, per esempio, non tutti la pensano allo stesso modo come si è visto nel referendum sull'acqua che – non a caso – non ha trovato il Pd tra i promotori del quesito. Tra l'altro l'ossatura del partito è fatta di amministratori locali che si faranno sentire con i vertici dei Democratici.
Ma le liberalizzazioni sono per eccellenza la spina nel fianco del centro-destra. Lo sono soprattutto dalla sponda delle categorie più che dei servizi pubblici: avvocati, notai, farmacisti e tutto il mondo degli ordini professionali sono il punto di riferimento elettorale del Pdl. Con molta onestà e schiettezza è stato proprio Maurizio Gasparri, capogruppo Pdl al Senato, a raccontare che in tutti gli incontri con Monti quello delle liberalizzazioni – e della gradualità con cui affrontarle – era stato il primo tema di confronto e discussione. Insomma, già la manovra – sul versante tasse – ha messo in imbarazzo il partito di Berlusconi con il suo elettorato e ora l'affondo sulle liberalizzazioni potrebbe sancirne uno strappo ulteriore a tutto vantaggio – al Nord – della Lega.
Questa è la prospettiva da cui si muovono i partiti ed è agli antipodi con quella del Governo Monti che – come diceva Giorgio Tonini, senatore liberal del Pd – «se sta fermo cade». L'interrogativo è se ai partiti basterà la tattica double-face anche con le riforme come è stato con la manovra. La risposta la daranno i sondaggi che saranno cruciali con l'avvicinarsi delle amministrative di primavera.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Dopo settimane di ostinati dinieghi, come succede in casi simili, il Crédit Agricole deve fare i co...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il governo prova a mettere ordine nella giungla dei commissari straordinari delle crisi aziendali. A...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Borsa dei Bitcoin si è quotata in Borsa, e vale 100 miliardi di dollari. Ieri è stato il giorno...

Oggi sulla stampa