Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Montezemolo: Alitalia, errori anche del governo

La crisi Alitalia è stata causata da «due errori: uno da parte di Etihad, errore di managerialità, anche se ha fatto cose buone. E l’altro, il giorno dopo l’accordo, da parte del governo: si è detto: “Il problema di Alitalia non c’è più”. E non si è affrontato in termini strategici il tema del trasporto aereo», con Alitalia e le low cost . Sono le considerazioni fatte dall’ex presidente della compagnia, Luca Cordero di Montezemolo, ieri sera ai microfoni di «Di martedì» su La7. E «l’altra cosa anomala — ha precisato Montezemolo — è che Alitalia è posseduta al 51% dalle banche e un’azienda industriale di servizi non può essere nelle mani delle banche». Forse, però, l’errore più grave «è non essersi resi conto che il problema di Alitalia non è solo economico. Se arrivasse Paperon de Paperoni con i miliardi, non cambierebbe la situazione se non si modifica il modello di business». Il vero nodo è tutto lì. Poi l’ex numero uno della Ferrari critica anche i lavoratori che hanno bocciato il piano industriale con il referendum: «Quella è una cosa unica: i dipendenti di un’azienda si sono quasi auto licenziati. Aver detto “no” a 2 miliardi di aumento di capitale, aver detto “no” alla possibilità di un nuovo management, aver detto “no” a banche e Etihad che credevano nel futuro di Alitalia, vuol dire autoeliminarsi». «E comunque vada a finire l’Alitalia, mantenere questi livelli di occupazione sarà un problema».

Intanto stamattina i tre commissari straordinari nominati dal governo, Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari, illustrano tempi, contenuti e modalità dell’amministrazione speciale chiesta dai vertici della ex compagnia di bandiera, in perdita nel 2016 di circa 500 milioni. Inoltre, obiettivo dei commissari è garantire che l’Alitalia non smetta di volare per tutta l’estate e oltre, e che continuerà a vendere regolarmente i biglietti. Poi nel pomeriggio Gubitosi, Laghi e Paleari hanno in agenda la prima riunione con i sindacati: sul tavolo è probabile che venga affrontata la questione del contratto nazionale di lavoro, scaduto a dicembre 2016 e prorogato fino a fine maggio. «I commissari stanno lavorando intensamente — spiega il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio — per pubblicare in tempi rapidi il bando» per la vendita di Alitalia. La pubblicazione è attesa entro metà maggio. Nel frattempo il sindaco di Fiumicino, Esterino Montino (Pd), in una audizione in commissione Lavori Pubblici del Senato, ha lanciato una proposta: Ferrovie dello Stato, Leonardo-Finmeccanica ed Eni entrino nel capitale di Alitalia con il 51% di azioni.

Francesco Di Frischia

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa