Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Montecarlo, addio al segreto bancario

La manovra a tenaglia è completa. Anche Montecarlo, dopo la Svizzera e il Liechtenstein, ha siglato con l’Italia l’accordo per lo scambio di informazioni fiscali, che fa dire addio al segreto bancario nel piccolo principato della Costa Azzurra. 
La firma è arrivata in zona Cesarini: ieri scadeva il termine previsto dalla norma sulla voluntary disclosure – due mesi di tempo dall’entrata in vigore della legge 186/2014 – per gli Stati in «black list», cioè considerati non collaborativi dall’Italia sul piano fiscale, per chiudere un accordo con il nostro Paese sullo scambio di informazioni. Intesa fondamentale per il contribuente-evasore che ha intenzione di mettersi in regola con il fisco, perché l’uscita dalla «black list» consente a chi aderirà alla procedura di non subire il raddoppio delle sanzioni e del periodo di accertamento (insomma, gli costa meno).
Cade così anche l’ultimo paradiso fiscale tra i più amati dagli italiani, insieme alla Svizzera e al Liechtenstein, e da molti scelto come residenza di comodo. Montecarlo è considerato importante dal fisco soprattutto per la rilevanza delle proprietà immobiliari detenute dagli italiani e non dichiarate. Hanno valutazioni che raggiungono, per dare un’idea, anche i 50 mila euro al metro quadro. Con la voluntary disclosure un contribuente-evasore potrà mettere in regola gli immobili e se li ha messi a reddito anche gli affitti evasi. Ovviamente la regolarizzazione si applica alle attività finanziarie non dichiarate sia che derivino dai canoni d’affitto sia da altre fonti. Alla voluntary disclosure potranno ricorrere anche le persone che hanno una residenza nel Principato suscettibile di essere contestata dal fisco: si dovranno dichiarare residenti in Italia e sanare le contestazioni che potrebbero ora essere mosse grazie allo scambio di informazioni.
Se con la Svizzera la firma è avvenuta a Milano e con il Liechtenstein a Roma, stavolta a ospitare l’accordo è stato il Principato, firmatari l’ambasciatore italiano Antonio Morabito e il ministro per gli Affari Esteri e della Cooperazione monegasco Gilles Tonelli. L’intesa è basata sul modello Ocse di Tax Information Exchange Agreement (Tiea) e consente lo scambio di informazioni su richiesta: Montecarlo non potrà più opporre il segreto bancario. Oltre all’accordo, l’intesa prevede un Protocollo che disciplina le «richieste di gruppo». L’Italia potrà presentare richieste in relazione a categorie di comportamenti che fanno presumere l’intenzione dei contribuenti di nascondere al nostro fisco patrimoni e attività detenute irregolarmente a Montecarlo. Invece per lo scambio automatico di informazioni è stata firmata una dichiarazione congiunta di carattere politico con la quale i due Paesi si impegnano ad adottare lo standard globale Ocse, nel rispetto della tempistica concordata a livello internazionale.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Intervista ad Alessandro Vandelli. L'uscita dopo 37 anni nel gruppo. I rapporti con gli azionisti Un...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

I gestori si stanno riorganizzando in funzione di una advisory evoluta che copra tutte le problemati...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Non far pagare alle aziende i contributi dei neo assunti per due anni. È la proposta di Alberto Bom...

Oggi sulla stampa