Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Monitoraggio difficile sui depositi a garanzia

Si complica il monitoraggio nel modello Unico del prelievo del 20% sui proventi dei depositi a garanzia di finanziamenti alle imprese (articolo 7 del Dl 323 del 1996), peraltro abrogato dalla riforma delle rendite finanziarie, ma solo per quelli maturati a partire dal 1° gennaio 2012.
Premesso che, come regola generale, il prelievo è dovuto sui proventi percepiti durante il periodo in cui le attività sono in garanzia e su quelli maturati e non ancora percepiti alla data dell’eventuale svincolo della garanzia, la circolare 11/E del 2011, paragrafo 13.7 ha chiarito che gli intermediari possono: continuare ad operare il prelievo sui proventi maturati fino al 31 dicembre 2011 alle naturali scadenze; versare in via anticipata la somma del 20% sui predetti proventi maturati fino al 31 dicembre 2011 alla prima scadenza utile, in alternativa alla scadenza naturale.
Il quadro RZ del modello Unico Sc gestisce la casistica introducendo un nuovo rigo RZ28 in cui devono essere indicati, pare solo per quest’anno, le somme maturate al 31 dicembre 2011 che non sono state assoggettate a ritenuta entro la chiusura del periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2011 dell’intermediario (entro il 31 dicembre 2011 per i “solari”) per mancanza del presupposto “naturale” di applicazione del prelievo (percezione dei proventi o svincolo della garanzia).
Viene mantenuto il rigo RZ27 destinato a “fotografare” le somme effettivamente assoggettate a prelievo nel periodo d’imposta oggetto della dichiarazione e l’ammontare prelevato.
Nel campo “note” del prospetto N, inoltre, è stato aggiunto un nuovo codice S che, secondo l’interpretazione dominante, dovrà essere utilizzato solamente per identificare i versamenti effettuati “massivamente” utilizzando la facoltà, concessa, dalla circolare 11/E di versare in via anticipata la somma del 20% sui proventi maturati fino al 31 dicembre 2011 alla prima scadenza utile, in alternativa alla scadenza naturale.
In conclusione, ipotizzando che l’intermediario abbia periodo d’imposta coincidente con l’anno solare e abbia operato prelievi nel 2011 per 1.000 su proventi imponibili di 50.000 e calcolato ulteriori proventi maturati ma non assoggettati a prelievo entro la chiusura del periodo d’imposta per 60.000 indicherà nel Rigo RZ27 colonna 1 i proventi assoggettati a prelievo (50.000) e in colonna 2 l’imposta (1.000); indicherà nel rigo RZ28 l’importo maturato di 600.000.
Supponendo che il 16 marzo del 2012 abbia effettuato il “versamento massivo” di 1.200 lo indicherà in Unico 2013 con il codice S (se verrà mantenuto anche nel prossimo modello); mentre se deciderà di operare il prelievo alla naturali scadenze non indicherà alcun codice nel campo “note”.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Con una valutazione pari a tre volte i ricavi, ossia di 1,5 miliardi di euro, Cedacri sta per essere...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Ecco uno squarcio sui ritardi del piano italiano per accedere ai 209 miliardi del Next Generation Eu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Alla fine il governo ha deciso di sposare la linea del Comitato tecnico scientifico: scuole di ogni ...

Oggi sulla stampa