Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mondadori-Rcs Libri, rischio antitrust

MILANO – Nell’ultimo giorno utile per chiudere la trattativa per la vendita di Rcs Libri a Mondadori, il quadro si è improvvisamente complicato. Il consiglio di amministrazione che si è riunito nella mattinata di ieri si è dovuto riconvocare in serata mentre nel mezzo sono proseguiti i colloqui per trovare una soluzione finale. Gli ostacoli da superare non riguardano tanto il prezzo, già definito in 135 milioni per tutta Rcs Libri inclusi i debiti, ma piuttosto le garanzie riguardo il pagamento. Mondadori ha infatti chiesto, secondo alcune indiscrezioni attendibili, di effettuare il saldo solo dopo il via libera da parte dell’Antitrust all’operazione. E poichè unendo Mondadori e Rizzoli nel segmento “trade” si verrebbe a creare una posizione importante pari a circa il 38% del mercato, non si può escludere che l’autorità possa imporre la cessione di qualche marchio o casa editrice minore.
L’incasso del prezzo solo tra qualche mese, però, costituisce per la società guidata da Pietro Scott Jovane un inconveniente non da poco: un duro confronto con le banche creditrici. Le quali chiedono il rispetto dei “covenant”, cioè un debito netto a fine anno inferiore a 440 milioni e un rapporto tra debiti e margine operativo lordo non superiore a 3,5. Se questi parametri non verranno rispettati il cda sarà costretto a chiamare la seconda tranche di aumento di capitale da 190 milioni già deliberato due anni fa. Ecco perchè a un certo punto Rcs ha chiesto a Mondadori di accollarsi lei il rischio Antitrust e di pagare subito il prezzo pattuito per il passaggio della Libri. Ma a quel punto Ernesto Mauri, l’ad della casa editrice di Segrate, ha a sua volta chiesto uno sconto sul prezzo in cambio dell’accollo del rischio. E così si è arrivati alla riunione delle 21,30 con la partita ancora aperta e con la possibilità che la vendita possa saltare. Tanto che i consiglieri Rcs si sono già preparati un piano B e cioè il conferimento di un mandato a Scott Jovane per vendere il più presto possibile Unedisa, la controllata spagnola che contiene i quotidiani El Mundo e Marca.
Mondadori, però, difficilmente si farà sfuggire la preda all’ultimo momento. Proprio ieri ha finalizzato con un incasso di 45,1 milioni la cessione a Mediaset dell’80% di R101 e ad Harlequin della propria parte nella joint venture comune, attiva nella vendita in edicola dei romanzi della collana Harmony. «Le due operazioni – hanno spiegato da Segrate – incrementando la disponibilità delle risorse finanziarie, contribuiscono a sostenere le linee strategiche di sviluppo del gruppo e la posizione competitiva nei core business, coerentemente a quanto annunciato nel corso dell’esercizio». Vale a dire che le risorse sono immediatamente impiegabili proprio nell’acquisizione di Rcs Libri oltre a una parte di indebitamento che è già a disposizione della casa editrice di proprietà della Fininvest.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La seconda ondata non ha ancora raggiunto il picco, e già nasce la preoccupazione per la terza. «S...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il rating di legalità piace sempre di più alle imprese. È in aumento da anni, infatti, il numero ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La variabile del credito entra nella progettazione dei lavori agevolati. Non solo dal superbonus, ma...

Oggi sulla stampa