Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mondadori compra Rcs Libri «Passaggio storico per l’editoria»

«Non credo di peccare di enfasi dicendo che è un passaggio storico nella lunga vita di queste due case editrici, ma anche in quella dell’intera editoria italiana». Marina Berlusconi annuncia così, in una email inviata in serata a tutti i dipendenti, il passaggio di Rcs Libri a Mondadori per 127,1 milioni di euro. La presidente della casa editrice di Segrate e di Fininvest augura nello stesso messaggio «un caloroso benvenuto ai colleghi della Rizzoli». Una parola, quest’ultima, utilizzata di proposito: la società tornerà a chiamarsi con il nome originario, appunto, Rizzoli. Nel consiglio della nuova Rizzoli che sarà una spa, siederanno Gian Arturo Ferrari, presidente, Antonio Porro, Oddone Pozzi, Enrico Selva Coddè e Paolo Mieli, per quest’ultimo un riconoscimento del suo ruolo di presidente di Rcs Libri.

Come previsto dagli accordi siglati nell’ottobre scorso, il perimetro dell’acquisizione perfezionata ieri che comprende le partecipazioni e la titolarità di tutti i marchi.

La posizione finanziaria netta al 31 marzo 2016 è positiva per circa 29 milioni, ridotta nel in aprile per l’esborso di circa 9 milioni relativo all’acquisto del 43,71% di Marsilio (incrementando la partecipazione complessiva al 94,71%), mentre al closing la posizione finanziaria netta è stimata positiva per circa 16 milioni.

Sulla base di specifiche clausole del contratto, il prezzo potrà essere soggetto ad aggiustamenti per un massimo di 5 milioni. C’è poi un «earn-out» in favore di Rcs sino a 2,5 milioni, vincolo condizionato al conseguimento nel 2017 di determinati risultati. Quanto alla squadra, Selva Coddè, amministratore delegato area trade di Mondadori Libri, guiderà la stessa divisione in Rizzoli Libri; Antonio Porro, amministratore delegato area educational, guiderà anche educational e internazionale illustrati di Rizzoli.

«Nemmeno in una giornata come questa è possibile dimenticare le rinunce, tanto pesanti quanto ingiuste, che ci sono state imposte, a cominciare dall’alienazione di due case editrici come Bompiani e Marsilio» scrive ancora Berlusconi, aggiungendo di voler «guardare avanti» e ricordando tra le altre cose le trattative per l’acquisizione di Banzai.

«È una precisa responsabilità che ci siamo assunti —conclude -—. Abbiamo ben chiaro qual è il presupposto fondamentale: garantire per le case editrici che da oggi si uniscono a noi, a cominciare dagli assetti organizzativi, quella libertà di espressione e quella tutela della propria identità che il gruppo ha sempre assicurato a ciascuna realtà editoriale».

Paola Pica

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’anno del Covid si porta via, oltre ai tanti morti, 150 miliardi di Pil. Ma oggi si può dire che...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Forte crescita dell’attività di private equity nei primi due mesi dell’anno. Secondo il dodices...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Goldman Sachs ha riavviato il suo trading desk di criptovalute e inizierà a trattare futures su bit...

Oggi sulla stampa