Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

MiniIva su banche dati online

Aliquota Iva ridotta al 4% sugli abbonamenti alle banche dati on line, che consentono di acquisire il contenuto digitalizzato di libri e altre pubblicazioni aventi le caratteristiche di giornali, notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie di stampa, libri e periodici, muniti di codice Isbn o Issn. Il chiarimento arriva dall’Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 120 di ieri, emanata in risposta a un’istanza di interpello presentata da un ente che nel perseguimento delle proprie finalità istituzionali, consistenti, tra l’altro, nel rappresentare e valorizzare il sistema delle autonomie universitarie, intende realizzare economie nell’acquisto e nella gestione delle risorse elettroniche, a vantaggio delle università ed enti aderenti. A tal fine, l’ istante chiedeva appunto di conoscere l’aliquota Iva applicabile all’acquisto dei diritti di accesso alla banca dati «online» nonché il trattamento da riservare ai servizi gratuiti di accesso e consultazione della banca dati. L’Agenzia, si legge su Fiscooggi, la rivista telematica delle Entrate, chiarisce la portata applicativa dell’aliquota ridotta del 4%, prevista dal n. 18 della tabella A, parte II, allegata al dpr 633/1972. Tale previsione deve essere interpretata alla luce della disposizione di cui all’articolo 1, comma 667, della legge n. 190/2014, (Stabilità 2015) che ha equiparato, ai fini Iva, le pubblicazioni veicolate tramite mezzi di comunicazione elettronica ai prodotti editoriali cartacei (giornali, notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie di stampa, libri e periodici) che già scontano l’aliquota Iva del 4 per cento. Secondo quest’ultima disposizione, infatti, ai fini dell’applicazione dell’aliquota Iva, sono da considerare giornali, notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie di stampa, libri e periodici, tutte le pubblicazioni veicolate attraverso qualsiasi supporto fisico o tramite mezzi di comunicazione elettronica purché identificate da codice Isbn o Issn. Codice adottato a livello internazionale che consente un’identificazione univoca del prodotto editoriale.

Alla luce della disposizione nazionale, secondo la risoluzione, nel presupposto che la ragione economica della conclusione del contratto di abbonamento sia quella di consentire all’abbonato di acquisire il contenuto digitalizzato di libri e altre pubblicazioni aventi le caratteristiche di giornali, notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie di stampa, libri e periodici, muniti di codice Isbn o Issn, anche all’operazione di abbonamento torna applicabile l’aliquota Iva del 4%.

Si equipara, in tal modo, sotto il profilo del trattamento Iva, la fornitura di prodotti editoriali in formato digitale (da considerare prestazione servizi, resa tramite mezzi elettronici) alla fornitura di prodotti editoriali in formato cartaceo (da considerare cessione di beni).

La risoluzione – prosegue Fiscooggi – chiarisce che i servizi aggiuntivi come le ricerche, l’inserimento di commenti, la stampa, che normalmente sono offerti gratuitamente dalle banche dati on line non costituiscono un valore aggiunto dal punto di vista del consumatore. Del resto, tali funzionalità sono offerte gratuitamente agli utenti, a prescindere dalla sottoscrizione del contratto di abbonamento e possono essere fruite anche tramite altri comuni motori di ricerca.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Investimenti nel biometano e metano sintetico. Ma anche nell’idrogeno verde. Con una particolare ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una superlinea con una capacità produttiva fino a 400 mila vetture all’anno e quattro nuovi mode...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Stappa lo champagne Ursula von der Leyen che tiene a battesimo la prima emissione degli eurobond de...

Oggi sulla stampa