Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Mini risveglio del traffico merci

Dopo anni di buio, arrivano segnali positivi dal traffico merci in Italia, nonostante la ripresa dell’economia nazionale stenti ancora ad avviarsi. È quanto emerge dalla nota congiunturale di Confetra del primo semestre 2014, che registra, per la prima volta da molto tempo, segni sostanzialmente tutti positivi, anche se talora con percentuali di crescita molto risicate. I volumi del periodo pre-crisi sono ancora lontani. Inoltre le aspettative degli operatori per il secondo semestre mettono in luce una forte incertezza.
Nei primi sei mesi dell’anno, resta fondamentale l’interscambio con l’estero, anche se emergono indicazioni di miglioramento della domanda interna. L’autotrasporto su strada, ad esempio, segna valori positivi sia in termini di traffico (+1,1% per il comparto nazionale e +1,9% per quello internazionale) che in termini di fatturato, dove peraltro i valori sono più contenuti (+0,9% per l’autotrasporto nazionale e +1,7% per l’autotrasporto internazionale). Analogo andamento per i corrieri nazionali che hanno registrato +1,9% nei volumi di traffico e +1,8% nei volumi di fatturato.
Nel comparto marittimo è da segnalare «la crescita del trasporto container nei porti di destinazione finale (+2,2%) sorretta dalle ottime performance del porto di Genova (+6,8%) cui si contrappone una sostanziale stabilità (+0,3%) del transhipment. Ottima – sottolinea Confetra – la ripresa del trasporto Ro-Ro (+5,8%), che è il risultato migliore, trainata dalla significativa crescita nei porti di Livorno, di Catania e di Brindisi. Segno più anche per il trasporto marittimo di rinfuse (+0,9%): l’azzeramento del traffico di petrolio greggio della raffineria di Venezia viene più che compensato dalla ripresa delle attività della raffineria di Falconara (Ancona +73,6%) e dall’ottima performance del porto di Messina(+25,9%). Sostanziale stabilità (+0,3%) del transhipment».
Si conferma la crescita nel cargo aereo (+6,8%), dovuta, scrivono i tecnici di Confetra «ai buoni risultati dello scalo di Milano Malpensa (+12,3%) e degli scali minori di Venezia (+7,7%) e Bologna (+2,4%)».
Inoltre, dopo sette anni di cali ininterrotti, nel primo semestre del 2014 il traffico ferroviario è cresciuto del +1,2%: a fronte di un -1,1% di Trenitalia, le altre compagnie hanno fatto registrare un aumento del +7,2% che determina una conseguente crescita della loro quota di mercato dal 35% al 37%. Anche per questa modalità l’andamento positivo deriva da un incremento del traffico internazionale.
Sul fronte delle spedizioni internazionali, «ad una significativa ripresa dei traffici (+1,1% spedizioni stradali; +4,1% spedizioni aeree; +3,8% spedizioni marittime) corrisponde un aumento del fatturato in misura percentuale inferiore (+0,7% spedizioni stradali; +1,7% spedizioni aeree; +0,9% spedizioni marittime). È evidente un processo di riorganizzazione produttiva alla ricerca della maggiore efficienza». Il settore che ha registrato i migliori risultati continua ad essere quello degli express courier (consegne +3,2%, fatturato +3,0%).
Le aspettative di traffico per il secondo semestre 2014, conclude la nota di Confetra, «mettono in luce una forte dose di incertezza: se da una parte continua il calo di coloro che temono un’ulteriore recessione (7%), dall’altra diventano stragrande maggioranza (64%) coloro che si aspettano un andamento piatto del traffico commerciale».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Torna l’incubo della crescita sotto zero, con l’Europa che teme di impiantarsi nuovamente nel qu...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il chief executive officer uscente di Ubs, il ticinese Sergio Ermotti, saluta la banca con cifre del...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le quotazioni di Borsa di Mediobanca a ottobre si sono attestate a 6,88 euro di media con scambi gio...

Oggi sulla stampa