Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Milano vede rosa con le banche

Finale su seduta in netto rialzo, ieri, alla borsa di Milano, con un più 1,54% dell’indice Ftse-Mib che ha registrato la performance più forte tra le piazze europee in scia ai progressi delle banche. Alla vigilia delle decisioni della Federal Reserve, che potrebbe alzare i tassi di interesse, le spinte ribassiste legate alle tensioni commerciali Usa-Cina sembrano prendersi una pausa. A Londra il Ftse 100 ha chiuso a +0,7% e 7.507,56 punti; a Parigi il Cac 40 a +0,1% e 5.479,1 punti; a Francoforte, il Dax a +0,2% e 12.374,7 punti e Madrid l’Ibex 35 ha chiuso in negativo, a -0,2% e 9.493,6 punti.Nel frattempo sui mercati dei titoli di Stato si è assistito a una limatura dei rendimenti dei Btp decennali, al 2,89% con lo spread a quota 235 punti base. Piazza Affari ha archiviato la seduta di ieri in rialzo, in scia ai progressi delle banche.

Nel principale listino di Piazza Affari, in evidenza i petroliferi in scia alla corsa del greggio: Eni +2,43%, Tenaris +5,52%, Saipem +5,34%.

In rally i bancari: Banco Bpm +1,69, Bper +1,23%, Intesa Sanpaolo +3,05%, Mediobanca +1,87%, Ubi B. +2,02%, Unicredit +2,62%, B.Mps +0,38%. In rosso invece B.Carige (-5,33%) già in forte calo lunedì.

Bene Leonardo (+2,39%) grazie al nuovo ordine dagli Usa. La Us Air Force ha scelto l’elicottero Mh-139, basato sull’Aw139 di Leonardo e offerto da Boeing in qualità di prime contractor, per la sostituzione della flotta di UH-1N «Huey».

Da segnalare pure Mediaset (+4,34%). «Non ci sono novità siamo lì ancora fermi. Cose nuove non ce ne sono», ha dichiarato Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, a margine di un evento a Milano, in merito al contenzioso della società con i francesi di Vivendi. Confalonieri ha sottolineato tuttavia che comunque «non è che i presidenti sono sempre informati». Bene anche Exor (+1,49%) su cui Ubs ha alzato il target price a 79 euro. In evidenza infine B.Generali (+3,22%) mentre hanno perso terreno Prysmian (-1,38%), Tim (-0,46%) e Brembo (-0,77%). Nel resto del listino spiccano i progressi di Chl (+9,63%), Bialetti I. (+11,29%) e Go Internet (+7,41%).Diversi i dati macro arrivati dagli Usa. L’indice S&P/Case-Shiller dei prezzi delle case nelle 20 maggiori città degli Usa è salito dello 0,3% a livello mensile a luglio, e del 5,9% a livello tendenziale. L’indice sulla fiducia dei consumatori negli Usa si è attestato a settembre a 138,4 punti, in aumento rispetto al dato rivisto di agosto, a 134,7 punti. Euro stabile sul dollaro scambiato a 1,1777. Prezzi del petrolio in rialzo con il Wti a 72,24 dollari al barile e il Brent a 82,01.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

In anticipo su alcuni aspetti, ad esempio lo smaltimento dei crediti in difficoltà; in ritardo su a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Le materie prime – soprattutto l’oro e il petrolio – sono tornate a regalare soddisfazioni all...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Apprezzamento unanime» per i dati di bilancio e conferma del sostegno all'amministratore delegato...

Oggi sulla stampa