Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Milano vede rosa con le banche

Finale su seduta in netto rialzo, ieri, alla borsa di Milano, con un più 1,54% dell’indice Ftse-Mib che ha registrato la performance più forte tra le piazze europee in scia ai progressi delle banche. Alla vigilia delle decisioni della Federal Reserve, che potrebbe alzare i tassi di interesse, le spinte ribassiste legate alle tensioni commerciali Usa-Cina sembrano prendersi una pausa. A Londra il Ftse 100 ha chiuso a +0,7% e 7.507,56 punti; a Parigi il Cac 40 a +0,1% e 5.479,1 punti; a Francoforte, il Dax a +0,2% e 12.374,7 punti e Madrid l’Ibex 35 ha chiuso in negativo, a -0,2% e 9.493,6 punti.Nel frattempo sui mercati dei titoli di Stato si è assistito a una limatura dei rendimenti dei Btp decennali, al 2,89% con lo spread a quota 235 punti base. Piazza Affari ha archiviato la seduta di ieri in rialzo, in scia ai progressi delle banche.

Nel principale listino di Piazza Affari, in evidenza i petroliferi in scia alla corsa del greggio: Eni +2,43%, Tenaris +5,52%, Saipem +5,34%.

In rally i bancari: Banco Bpm +1,69, Bper +1,23%, Intesa Sanpaolo +3,05%, Mediobanca +1,87%, Ubi B. +2,02%, Unicredit +2,62%, B.Mps +0,38%. In rosso invece B.Carige (-5,33%) già in forte calo lunedì.

Bene Leonardo (+2,39%) grazie al nuovo ordine dagli Usa. La Us Air Force ha scelto l’elicottero Mh-139, basato sull’Aw139 di Leonardo e offerto da Boeing in qualità di prime contractor, per la sostituzione della flotta di UH-1N «Huey».

Da segnalare pure Mediaset (+4,34%). «Non ci sono novità siamo lì ancora fermi. Cose nuove non ce ne sono», ha dichiarato Fedele Confalonieri, presidente di Mediaset, a margine di un evento a Milano, in merito al contenzioso della società con i francesi di Vivendi. Confalonieri ha sottolineato tuttavia che comunque «non è che i presidenti sono sempre informati». Bene anche Exor (+1,49%) su cui Ubs ha alzato il target price a 79 euro. In evidenza infine B.Generali (+3,22%) mentre hanno perso terreno Prysmian (-1,38%), Tim (-0,46%) e Brembo (-0,77%). Nel resto del listino spiccano i progressi di Chl (+9,63%), Bialetti I. (+11,29%) e Go Internet (+7,41%).Diversi i dati macro arrivati dagli Usa. L’indice S&P/Case-Shiller dei prezzi delle case nelle 20 maggiori città degli Usa è salito dello 0,3% a livello mensile a luglio, e del 5,9% a livello tendenziale. L’indice sulla fiducia dei consumatori negli Usa si è attestato a settembre a 138,4 punti, in aumento rispetto al dato rivisto di agosto, a 134,7 punti. Euro stabile sul dollaro scambiato a 1,1777. Prezzi del petrolio in rialzo con il Wti a 72,24 dollari al barile e il Brent a 82,01.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È cruciale evitare di ritirare le politiche di sostegno prematuramente, sia sul fronte monetario ...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo aver fatto un po’ melina nella propria metà campo, il patron del gruppo Acs, nonché preside...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Una forte ripresa dell’economia tra giugno e luglio. È su questo che scommette il governo: uscire...

Oggi sulla stampa