Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Milano-Roma, vittoria di EasyJet

ROMA — Sarà la compagnia aerea britannica low cost EasyJet a sfidare Alitalia sulla rotta Milano Linate-Roma, già da questa stagione invernale. Lo ha annunciato l’Antitrust prendendo atto della valutazione della società Nexia International-Audirevi, incaricata di effettuare una valutazione comparativa delle offerte pervenute per impegnare i sette slot (bande orarie) che Alitalia ha dovuto rilasciare per sbloccare il monopolio. Le compagnie erano Meridiana Fly-Air Italy, Blue Panorama, Livingston e le low cost Vuelig e EasyJet.
«EasyJet — fa sapere l’Antitrust — è risultato il vettore più idoneo a garantire un effettivo vincolo concorrenziale ad Alitalia-Cai sulla rotta in questione», occupando sette slot (fasce orarie) al mattino e alla sera. Protesta Meridiana Fly-Air Italy, che ritiene tale scelta «priva di fondamento e assolutamente lesiva dei propri diritti e interessi». La compagnia, che aveva offerto 16 voli giornalieri complessivi, «porrà in essere tutte le opportune attività volte ad appurare la legittimità dei criteri e delle modalità di assegnazione e si riserva ogni azione a tutela dei propri interessi».
Intanto Alitalia evidenzia nel terzo trimestre 2012 risultati in controtendenza rispetto al primo semestre del 2012, molto difficile: i ricavi totali del periodo sono aumentati passando da 1.080 milioni del terzo trimestre 2011 a 1.126 milioni del 2012, con un incremento del 4%.
Il risultato netto del trimestre ha registrato un utile di 27 milioni (69 nel 2011), in incremento rispetto alla perdita di 70 milioni del secondo trimestre 2012.
Nel trimestre il gruppo Alitalia ha trasportato quasi 7 milioni e 500 mila passeggeri, con un risultato sostanzialmente invariato rispetto allo stesso periodo del 2011. Nel periodo, la quota di mercato del gruppo — sull’insieme dei tre segmenti intercontinentale, internazionale e domestico — rimane stabile a circa il 23%. Il riempimento degli aerei (load factor) si è attestato al 78%, con un miglioramento (+0,5%) rispetto allo stesso periodo del 2011. «Si iniziano a vedere i primi segnali della nostra reazione ad una crisi violentissima. I risultati di Alitalia nel terzo trimestre registrano una inversione di tendenza rispetto ai primi sei mesi dell’anno» ha commentato Andrea Ragnetti, amministratore delegato di Alitalia.
Quanto alle prospettive, le previsioni del quarto trimestre, confermano il brusco rallentamento della domanda attribuibile alle incertezze del quadro economico-finanziario globale, oltre che al permanere di elevati livelli del prezzo del petrolio e del cambio euro-dollaro che incideranno fortemente sui costi del Gruppo. Alitalia ricorda che il quarto trimestre non si è mai chiuso con un risultato operativo positivo, e che il miglior risultato degli ultimi 20 anni è stato quello del 2009, con un «rosso» di 15 milioni.
L’obiettivo è l’utile operativo alla fine del 2013 attraverso lo sviluppo dei ricavi e il controllo dei costi. Prevista una riorganizzazione aziendale. Esclusi però gli esuberi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«È un falso dilemma» che la Bce abbia un solo mandato e la Federal Reserve due. Anche la Banca ce...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un intervento normativo finalizzato a favorire il rafforzamento patrimoniale delle società di capit...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Scuola e lavori pubblici, settore residenziale e miglioramento delle norme in fatto di appalti, come...

Oggi sulla stampa