Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Milano riparte ma cerca una visione globale

Ricavi in crescita, più fiducia, ordini esteri al top. Dall’osservatorio di Assolombarda emergono indicazioni univoche: anche a Milano il tempo comincia a volgere al bello e la ripresa inizia infine a manifestarsi. Piccoli segnali che si sommano a un contesto estero mediamente di favore. Dove al momento le “luci” generate da euro e petrolio low-cost, crescita Usa, azioni Bce e ripresa dei consumi in Europa paiono superare le “ombre” legate a Grecia, crisi russo-ucraina, tensioni migratorie. Un contesto di favore che tuttavia non porterà a una risalita adeguata del Pil milanese e lombardo in assenza di una strategia precisa e condivisa.
«O Milano riesce a scattare oltre il 2% di crescita – spiega il presidente di Assolombarda Gianfelice Rocca – oppure l’intero Paese non potrà uscire dalle secche». Per farlo occorre però una visione, un progetto chiaro e condiviso in grado di mobilitare risorse pubbliche e private in funzione di un punto di equilibrio più alto. «Milano è più ottimista – aggiunge Rocca – e ha molte energie, a cui però serve una visione globale». Il contesto, dopo sette anni di crisi, pare ora favorevole. Con imprese anche numericamente in crescita, un saldo occupazionale positivo per 67mila unità nel primo trimestre, aumento che coinvolge sia i contratti a tempo indeterminato che gli interinali, un effetto-traino legato a Expo stimato in 5,5 miliardi di valore aggiunto. Contesto di favore da valorizzare però con scelte mirate e la direzione di marcia proposta è quella di puntare sull’integrazione “alta” delle capacità del territorio riassunte nell’acronimo anglosassone Steam, cioè scienza, tecnologia, engineering, arte e matematica.
«È il mix giusto per competere con le aree più avanzate d’Europa – spiega Rocca – ma anche la strategia più efficace in termini di valore e occupazione». Nelle stime di Assolombarda orientare lo sviluppo in questa direzione con interventi e progetti concreti per start-up e nuova manifattura ma anche ricerca, design e moda, potrà portare alla città un punto di Pil aggiuntivo all’anno, fino a 18 miliardi in più di valore aggiunto e 115mila occupati incrementali in dieci anni. Azioni che tuttavia vanno non solo incanalate ma anche incentivate attraverso un contesto più favorevole alle imprese, a partire da fisco e burocrazia, con l’attenzione che in generale andrebbe spostata dal «fare le leggi all’adottare una politica pro-impresa». Dati e progetti presentati ieri subito dopo l’assemblea straordinaria di Assolombarda che ha varato all’unanimità la fusione con l’omologa associazione confindustriale di Monza e Brianza. Unione – ricorda il vicepresidente di Confindustria Carlo Pesenti «raggiunta attraverso un confronto dialettico (unanimità a Milano, non altrettanto a Monza, ndr) inevitabile nel caso di scelte di rilevanza strategica», una testimonianza della capacità del sistema confindustriale di sapersi rinnovare».
L’integrazione, da cui nascerà Assolombarda Confindustria Milano Monza e Brianza, darà vita a una realtà da oltre 5.700 imprese per 320mila addetti, un’area in cui si concentra il 54% del valore aggiunto regionale e il 12% di quello italiano. «Un fatto storico importante – chiarisce Rocca – e un’innovazione di grande portata: saremo un sistema che indirizzerà lo sviluppo dell’area metropolitana contribuendo meglio alla crescita della Lombardia e dell’Italia». Milano, Lombardia, Italia. Alla domanda su una possibile candidatura alla guida di Confindustria Rocca replica così: «Non ho risposte su questo tema, trovo sbagliate queste lunghe corse, abbiamo un presidente in carica, poi avremo il comitato dei saggi che si occuperà di individuare i candidati disponibili. Capisco che vi sia un desiderio sfrenato di fare il presidente di Confindustria ma poi a partire troppo presto si rischia di fare delle false partenze».
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Ai tempi delle grandi manifestazioni contro la stretta cinese, le file degli studenti di Hong Kong a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’ingresso nel tempio della finanza tradizionale pompa benzina nel motore del Bitcoin. Lo sbarco s...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

L’Internet super-veloce e la fibra ottica sono un diritto fondamentale, costituzionale, che va ass...

Oggi sulla stampa