Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Microsoft, Office 365 nella nuvola

di Claudia Cervini  

Anche Microsoft crede nella nuvola. Il gigante tecnologico ha infatti lanciato a livello globale il nuovo servizio di cloud computing pensato sia per le piccole e medie imprese sia per quelle più grandi. Un sistema di programmi e servizi di comunicazione integrata che permetterà di salvare i dati non sul proprio pc ma su server remoti e che è già stato scelto da 40 milioni di aziende del globo e da 200 mila organizzazioni in Italia.

Lo scopo, come ha raccontato Steve Ballmer, chief executive officer di Microsoft in collegamento da New York durante la presentazione milanese, è portare la vera tecnologia alle imprese migliorandone la produttività per quanto concerne efficienza e velocità: «La collaborazione è un fattore critico nella crescita del business e, proprio per la sua importanza, crediamo che la miglior tecnologia collaborativa debba essere messa a disposizione di tutti. In pochissimi click, Office 365 allarga il campo di gioco, offrendo a piccole e medie imprese potenti strumenti, un tempo limitati alle sole grandi aziende».

Messaggistica istantanea, posta elettronica, videoconferenze, condivisione di documenti e pubblicazione sul portale aziendale, utilizzo dei programmi di Office uniti a Microsoft Exchange, SharePoint e Lync: questi i servizi offerti dal cloud computing di Microsoft «che va incontro a un nuovo modello di organizzazione del lavoro, permettendo anche ad aziende di piccole dimensioni di essere competitive sul loro mercato», ha spiegato Pietro Scott Jovane, amministratore delegato di Microsoft Italia. «Il successo del cloud dipenderà dal modo in cui tutti gli operatori si comporteranno in termini di efficienza, sicurezza, privacy e trasparenza».

Il prodotto è stato lanciato con un piano di comunicazione mista sia online sia offline. «Il 50% dell'investimento è destinato all'online, strategia in cui crediamo moltissimo, basti pensare che le aziende in media gli riservano soltanto il 10% del budget. Il restante 50% dell'investimento di Microsoft sarà invece destinato alla stampa», ha spiegato Scott Jovane.

Nel lancio del sistema un ruolo importante hanno giocato anche le aziende che hanno scelto Office 365 e che sono già «nella nuvola», diventate testimonial del prodotto. Alcune case history sono state raccontate durante la presentazione del sistema: il gruppo Artsana, attivo nel settore del baby care, con 20 sedi nel mondo e 1,5 miliardi di fatturato, ha fatto sapere per voce del direttore It Paolo Sassi che ha già attivato 1.000 licenze e che utilizza in particolare la posta di gruppo, i programmi di business productivity online e le tecnologie mobile. Servizi che semplificano notevolmente l'organizzazione dei 6 mila dipendenti del gruppo e abbattono i costi di investimento e manutenzione. Mentre Fabio Salvotti, manager di Leroy Merlin Italia, ha raccontato che l'azienda ha aperto 500 caselle di posta elettronica e grazie al cloud riesce a comunicare in modo efficiente riducendo i «viaggi fisici» nei 46 negozi presenti sul territorio che sono costantemente in comunicazione virtuale tra loro.

Intorno a Office 365, dunque, Microsoft ha costruito un imponente ecosistema di partner che include system integrator, vendor di software, distributori e altri, ecosistema che si sta espandendo in nuove direzioni. Una partnership importante è stata siglata con Vodafone, uno dei 20 provider (tra i quali Bell Canada, Intuit Inc., Telefonica S.A., Telstra Corp.) che integrerà Office 365 nelle sue offerte e commercializzerà il servizio a piccole e medie imprese clienti.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa