Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Microcredito sub judice

Il gestore del fondo di garanzia per le pmi, in sede di controllo a campione – ovvero in sede di escussione – potrà effettuare verifiche sulla effettiva rispondenza dell’operazione di microcredito ai requisiti previsti dalla specifica normativa (decreto del ministero dell’economia e delle finanze n. 176/2014), sia rispetto ai soggetti beneficiari sia sulla somministrazione dei servizi ausiliari di assistenza e monitoraggio, da parte dell’operatore di microcredito ovvero del soggetto terzo affidatario. Sono queste le indicazioni contenute nella guida relativa al fondo di garanzia pmi sulle operazioni di microcredito, aggiornata all’ottobre 2016. L’intervento del fondo di garanzia è volto a concedere una garanzia pubblica, assistita dalla garanzia di ultima istanza dello Stato, su finanziamenti rientranti nella definizione di operazioni di microcredito. La concessione e l’erogazione di questi finanziamenti sono di esclusiva competenza degli intermediari finanziari abilitati all’esercizio del credito. I beneficiari finali possono attivare la procedura di accesso diretto e – anche prima della presentazione della richiesta di finanziamento a un soggetto finanziatore – possono presentare al gestore del fondo richiesta di prenotazione delle somme necessarie alla copertura finanziaria della garanzia. La richiesta di prenotazione è presentata in via telematica, accedendo all’apposita sezione del sito internet del fondo (www.fondidigaranzia.it) dedicata al microcredito, previa registrazione e utilizzo delle credenziali di accesso rilasciate. Le modalità di effettuazione della registrazione prevedono l’indicazione di nome, cognome, codice fiscale, indirizzo email e numero di telefono della persona da registrare, che può anche non appartenere all’impresa interessata alla prenotazione. Le modalità di prenotazione prevedono l’indicazione del codice fiscale, della denominazione, della natura giuridica e dell’indirizzo email (semplice o Pec) dell’impresa interessata e dell’importo dell’operazione di microcredito (massimo 35 mila euro). A seguito della presentazione della richiesta di prenotazione della garanzia, il sistema informativo del fondo attribuisce automaticamente un codice identificativo alla richiesta di prenotazione e produce la conseguente ricevuta dell’avvenuta prenotazione delle risorse, che il soggetto beneficiario finale deve indicare al soggetto finanziatore al quale intende richiedere il finanziamento. La prenotazione resta valida per i 5 giorni lavorativi successivi alla data del suo inserimento sul sistema informativo del fondo. Entro il predetto termine, la prenotazione deve essere confermata, a pena di decadenza, dal soggetto finanziatore prescelto, che attesta di aver ricevuto dal soggetto beneficiario finale formale richiesta di finanziamento. A tal fine, il soggetto finanziatore accede alla sezione microcredito del sito internet del fondo, utilizzando, oltre alle credenziali di accesso rilasciate dal gestore in sede di abilitazione a operare, il predetto codice identificativo.

Marco Ottaviano

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La Francia continua a essere apripista per il riconoscimento economico dei contenuti di informazione...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Si avvicina il giorno in cui Monte dei Paschi dovrà dire alla vigilanza di Francoforte e al mercato...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«Sul Recovery Plan non esiste un caso Italia, ma un’interlocuzione molto positiva con la Commissi...

Oggi sulla stampa