Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Microcredito, il Fei alza il tiro

Quasi 100 milioni di garanzie, per un totale di mezzo miliardo di nuova micro-finanza da qui al 2020. È il contenuto dell’accordo, firmato a giugno, tra il Fondo europeo per gli investimenti e la Commissione di Bruxelles, che ha individuato nel microcredito uno dei pilastri del piano Juncker per il rilancio della crescita in Europa. A tre mesi dall’intesa, oggi – vigilia della prima giornata europea della Microfinanza che si celebrerà domani – se ne raccolgono i primi frutti: a Bruxelles, infatti, sei operatori europei riceveranno altrettanti plafond di garanzia dal Fei. Tra questi figura anche PerMicro, l’operatore leader di settore in Italia: dal veicolo della Banca europea per gli investimenti PerMicro avrà in dote 2,2 milioni di garanzie, che consentiranno l’erogazione di 20 milioni di nuove linee entro i prossimi 30 mesi.
Novità significativa dal punto di vista politico – è la prima volta, infatti, che un’istituzione europea interviene in misura così massiccia sul microcredito -, ma anche pratico. Per PerMicro, infatti, l’accordo con il Fei consentirà «di abbattere significativamente, a partire dalla fine di questo esercizio, il default atteso sulla nuova produzione attesa di microcredito all’impresa», come spiega il Ceo di PerMicro, Andrea Limone. Non solo: «Grazie a questo supporto potremo diminuire il prezzo finale al cliente (7,9% più spese, ndr) e ampliare il nostro mercato di riferimento». Un mercato che in otto anni ha visto la società basata a Torino erogare 69,2 milioni distribuiti in 10.799 pratiche: 1.693 imprese per un totale di 21,9 milioni di impieghi e 9.106 famiglie per 47,2 milioni di masse. Volumi in crescita costante, se si considera che nel 2012 l’erogato dell’anno aveva toccato gli 8 milioni, nel 2013 è salito a 14,8 e nel 2014 ha superato i 20; il bilancio dei primi nove mesi del 2015 è di 16,6 milioni, un terzo alle imprese e due terzi alle famiglie. Ora, con la garanzia diretta in arrivo dal Fei (che già figura tra i principali soci di PerMicro con una quota del 14,5%, subito dietro al primo azionista Bnl-Bnp Paribas con il 23,2%) «potremo offrire ancora maggiori opportunità alle microimprese affacciandoci su nuovi mercati, sia in termini geografici sia di destinatari, rispondendo anche alle richieste di altri “innovativi” attori economici, come i giovani makers», aggiunge Limone.
A livello nazionale i numeri del microcredito raccontano di un settore che cerca di uscire dalla nicchia, valorizzando le iniziative avviate negli anni nell’ambito dell’educazione finanziaria e i bandi sempre più diffusi in ambito locale, nazionale ed europeo. È così che dall’ultimo censimento effettuato dalla Fondazione Giordano Dell’Amore insieme alla Rete italiana per la microfinanza sui primi 25 operatori del settore emerge un traguardo importante: oltre 100 milioni erogati tra il 2012 e il 2014 su 16.818 pratiche, 60 mesi la durata media dei microcrediti per le imprese (il cui valore medio sfiora i 15mila euro), 40 quella dei microcrediti sociali (5.200 euro l’importo medio). Per quanto riguarda l’indice di rischiosità, le medie non sono superiori – anzi – a quelle del credito tradizionale: il 13,49% del portafoglio è a rischio, l’incidenza dei ristrutturati è pari all’1,07%, le perdite sul portafoglio sono pari all’1,49%.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa