Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Metroweb, oggi F2i decide. Favorita Enel rispetto a Telecom

Manca l’ufficialità del cda che si terrà oggi, ma ufficiosamente F2i e Cdp sono orientate a preferire l’offerta di Enel per Metroweb, ancorché inferiore di 8 milioni rispetto a quella di Telecom. Manca anche il gradimento di Fastweb, ma difficilmente il gruppo si opporrà all’acquisto di Enel. E ieri le voci sulla disfatta per Metroweb hanno fatto perdere al titolo Telecom un altro 2,3%. Oggi peraltro i soci dell’ex monopolista delle tlc saranno chiamati ad approvare, insieme al bilancio 2015 anche il piano straordinario di incentivi per Flavio Cattaneo e la sua squadra, e un bonus 2016 più ricco per il presidente Giuseppe Recchi. Peraltro nei giorni scorsi Recchi nel suo ruolo istituzionale e il direttore finanziario Piergiorgio Peluso hanno incontrato alcuni esponenti di Assogestioni proprio per discutere dei 55 milioni di incentivi straordinari. Sia i proxy advisor, sia alcuni investitori hanno criticato il fatto che i bonus per Cattaneo e per la sua squadra sono legati più a obbiettivi di breve periodo (come il taglio del debito, delle spese operative, e la relativa crescita del mol) che a rilanciare le attività del gruppo. Qualcuno lamenta poi che se il nuovo ad dovesse cessare dal suo incarico – perché ad esempio Vivendi (socia al 24,7%) dovesse vendere la sua quota, o non essere più il socio di maggioranza relativa – il manager se avrà rispettato gli obiettivi del primo anno, avrà comunque diritto al bonus anche per gli anni in cui non l’ha maturato. Dopo aver rinunciato alle azioni gratuite e al bonus già maturato in Ntv, Cattaneo ha voluto tutelarsi rispetto a eventuali imprevisti che esulano dalla sua capacità manageriale di rispettare gli obiettivi. Fatto sta che, nonostante i 40 milioni di bonus che il manager potrebbe maturare a fine 2019, e che si aggiungono a stipendio fisso, variabile e opzioni, l’affluenza all’assemblea Telecom dovrebbe essere tale da non prevedere brutte sorprese. Non solo diversi fondi speculativi sarebbero proti a votare a favore del maxi bonus insieme a Vivendi, ma anche alcuni fondi con oltre il 5% del capitale sarebbero pronti a schierarsi al fianco di Cattaneo.
Flavio Cattaneo
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Cinque nomi nuovi, a partire da Andrea Orcel, cinque conferme (più Pier Carlo Padoan, cooptato da p...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Francesco Gaetano Caltagirone segue le orme di Leonardo Del Vecchio e, dopo anni passati ad arrotond...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Zero profitto, zero dividendo: così la Bundesbank ha chiuso il bilancio 2020, un bilancio pandemico...

Oggi sulla stampa