Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Messina: le banche internazionali nella crisi? Loro scappavano, noi compravamo Btp

«Quando le banche internazionali scappavano, noi restavamo qui a sottoscrivere Btp, noi c’eravamo quando il Paese era in difficoltà». L’arrivo e anzi il ritorno in Italia dei big stranieri del credito e della consulenza a caccia di buoni affari non piace a Carlo Messina che rivendica per Intesa Sanpaolo un ruolo di «sostegno dell’economia reale» anche e soprattutto ora che quote importanti delle società pubbliche vengono messe sul mercato. Un altolà a chi «si riaffaccia ora nel nostro Paese e si propone come salvatore per ottenere mandati con clienti pubblici» ha scandito il consigliere delegato all’assemblea degli azionisti, la prima nella storia del gruppo Mi To a vedere fondi con la maggioranza dei voti, il 52% (il 31,5% del capitale). Oltre a BlackRock, secondo azionista con il 5%, sono presenti nel capitale con quote inferiori al 2% Norges, Fidelity, Prudential, Vanguard, Legal & General, Templeton e Schroder. Mentre le Fondazioni sembrano aver scelto un ruolo più defilato. Il peso stesso di Intesa sui mercati è cambiato: negli ultimi sette mesi, da quando Messina è stato chiamato alla guida, la capitalizzazione è salita da 25 a 40 miliardi, il quarto posto nell’ Eurozona.
Con i soci riuniti a Torino, il manager ha parlato come di «un unicum di fiducia» dell’ accordo con i sindacati e la distribuzione di azioni al posto del premio aziendale: «È un momento storico in cui le persone sono al centro dell’ azienda», ha detto confermando l’ impegno a non trasformare in esuberi i 4500 dipendenti in eccesso.
È toccato infine al presidente del consiglio di sorveglianza, Giovanni Bazoli, tornare a chiarire come Intesa non intenda essere più considerata banca di sistema. «Per il futuro – ha detto – terremo gli investimenti in capitale distinti dai finanziamenti». Quanto alla governance, il professore ha confermato le valutazioni in corso sul possibile ritorno al modello tradizionale con l’abbandono del doppio consiglio.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«Non sapevo che Caltagirone stesse comprando azioni Mediobanca. Ci conosciamo e stimiamo da tanto t...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Primo scatto in avanti del Recovery Plan italiano da 209 miliardi. Il gruppo di lavoro "incardinato"...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La Cina ha superato per la prima volta gli investimenti in ricerca degli Stati Uniti. Pechino è vic...

Oggi sulla stampa