Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Messina (Intesa Sp): intervenga lo stato

Su Popolare di Vicenza e Veneto banca deve intervenire lo Stato al più presto: lo ha detto l’a.d. di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, ribadendo la ferma volontà di non elargire nuove risorse al fondo Atlante per sostenere la ricapitalizzazione: «Su questo tema ho già parlato in modo molto chiaro e diretto, penso che i privati abbiano già perso molti soldi in Atlante. C’è un intervento pubblico già approvato e definito: credo sia il caso che quello venga realizzato e attivato il prima possibile».

Messina, dunque, entra a gamba tesa sull’impasse della politica, auspicando di fatto una forzatura dei diktat europei: il governo dovrebbe prima salvare le banche con soldi pubblici e poi eventualmente affrontare le conseguenze politiche della decisione, avendo però messo in sicurezza il sistema bancario.

Il numero uno della Ca’ de Sass si è quindi soffermato sulla questione Npl: «Ciò che è mancato finora al sistema bancario è la volontà di fare le cose per riuscire a costruire una macchina per il recupero del credito». Intesa, a questo proposito, si era mossa autonomamente due anni fa, «con la volontà di creare una struttura che lavorasse come un fondo di private equità, perché ritengo che le banche non debbano contare su benefici esterni, ma debbano rafforzare la struttura interna». Il riferimento è all’emendamento alla manovrina che prevede una serie di strumenti volti a sbloccare il mercato dello stock dei Non performing loans in mano alle banche e alle istituzioni finanziarie. «Se ci si aspetta troppo dalle controparti esterne istituzionali, non si riescono a fare le cose. Noi abbiamo deciso di lavorare a prescindere. Tutto quello che verrà sarà una sopravvenienza. Quello che abbiamo ottenuto in 18 mesi, cioè ridurre lo stock degli Npl di 7,5 miliardi, nasce dalla forza della nostra banca e non da provvedimenti governativi. Noi non chiediamo niente a nessuno».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Primo giorno di lavoro in proprio per Francesco Canzonieri, che ha lasciato Mediobanca dopo cinque a...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

 Un passo indietro per non sottoscrivere un accordo irricevibile dai sindacati. Sarebbe questo l’...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Doveva essere una Waterloo e invece è stata una Caporetto. Dopo cinque anni di cause tra Mediaset e...

Oggi sulla stampa