Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Messina, avanti sugli Npl

In Italia il problema degli Npl «è assolutamente sotto controllo»: lo ha assicurato l’amministratore delegato di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, in occasione del World Economic Forum di Davos. «Tra due anni il settore bancario italiano sarà in una situazione simile agli altri paesi».

Ca’ de Sass sta riducendo i crediti deteriorati «attraverso una macchina di recupero interna: abbiamo ridotto lo stock di 10 miliardi in 18 mesi. Bene, ma dobbiamo accelerare».

Messina è quindi intervenuto sul tema della sostenibilità, sottolineando che Intesa Sanpaolo «sta investendo moltissimo: è appena uscita la classifica dei cosiddetti cavalieri socialmente responsabili, che su 6 mila aziende ci colloca alla quarantunesima posizione mondiale. Credo sia un risulto straordinario». Secondo la classifica stilata da Corporate Knights, rivista canadese specializzata in capitalismo sostenibile, Intesa Sanpaolo è l’unico gruppo italiano fra le 100 società quotate più sostenibili al mondo, in base a 17 indicatori in ambito ambientale, sociale e di governance.

In particolare, la banca sta investendo molto sui fattori sostenibili e sull’economia circolare: «Un fronte su cui siamo financial global partner della Ellen MacArthur Foundation, che è l’ente che si occupa dell’economia circolare nel mondo con una visione di sostenibilità. Ritengo che questi siano i temi importanti che devono essere affrontati qui a Davos e penso che i leader presenti non faranno mancare il loro appoggio per creare un mondo più coeso». L’a.d. ha ricordato che «siamo stati la prima banca italiana a emettere, nel giugno scorso, un green bond».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Sarà un’altra estate con la gatta Mps da pelare. Secondo più interlocutori, l’Unicredit di And...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«La sentenza dice che non è possibile fare discriminazioni e che chi gestisce un sistema operativo...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Un nuovo “contratto di rioccupazione” con sgravi contributivi totali di sei mesi per i datori di...

Oggi sulla stampa