Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Merkel: senza l’euro nessun futuro in Europa

Il premier greco Alexis Tsipras ha chiesto una dilazione del negoziato con i creditori per far decidere al referendum popolare del 5 luglio sulle misure di austerità proposte in cambio dei prestiti di salvataggio. Ma la cancelliera tedesca Angela Merkel ha rifiutato, rinviando «a dopo» la consultazione e ammonendo che «se fallisce l’euro, fallisce l’Europa». 
I presidenti del Consiglio Ue e della Commissione europea, Donald Tusk e Jean-Claude Juncker, entrambi del partito Ppe di Merkel, si sono schierati per il mantenimento della scadenza di oggi a mezzanotte. Tutti gli altri gruppi politici dell’Europarlamento — dagli eurosocialisti fino al M5S — hanno approvato la richiesta di un Eurosummit d’urgenza dei 19 capi di Stato e di governo della zona euro per trovare un compromesso in grado di evitare l’insolvenza della Grecia almeno fino all’esito del referendum. Si è astenuto solo il gruppo del Ppe, guidato dal tedesco Manfred Weber.
Anche Stati Uniti, Russia e Cina premono per un accordo. Il presidente Usa Barack Obama ha telefonato al collega francese François Hollande «per facilitare una ripresa delle trattative». Il premier cinese Li Keqiang, a Bruxelles per il vertice Ue-Cina, ha dichiarato che «è nell’interesse della Cina che la Grecia resti nella zona euro e sollecitiamo i creditori internazionali perché arrivino a un accordo con la parte greca». Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, ha confermato l’appoggio a Tsipras e ha esortato l’Ue a evitare «uno scenario dalle conseguenze nefaste». Juncker, che istituzionalmente non dovrebbe interferire nella politica interna dei Paesi membri, ha attaccato il governo Tsipras invitando gli elettori ellenici a non seguire l’indicazione del «no» e a votare «si» alle proposte dei rappresentanti dei creditori (Commissione, Bce e Fmi di Washington). Ha aggiunto che «votare no vorrebbe dire che la Grecia dice no all’Europa».
Nell’Eurogruppo di sabato scorso il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis aveva specificato che «il referendum non è sull’euro o sull’Ue» ma punta solo a «far decidere al popolo» sulle misure di austerità introdotte su richiesta dei creditori perché «negli ultimi cinque anni in Grecia non hanno funzionato».
Juncker è stato contestato nella riunione dei leader dei gruppi nell’Europarlamento. «Stai agendo con l’obiettivo di far cadere il governo di Tsipras», ha accusato Marine Le Pen, leader dell’estrema destra francese (e alleata della Lega), che ha attribuito «la colpa» del rischio di fallimento della Grecia alle «misure di austerità della troika» dei creditori. «Sei ridicola — avrebbe risposto Juncker —. Il nostro piano non contiene stupide misure di austerità, ma proposte per rilanciare la crescita della Grecia».
Il premier Matteo Renzi ha definito il referendum un «derby tra l’euro e la dracma». Il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan ha precisato che l’esposizione «diretta» dell’Italia in Grecia è di «35,9 miliardi».

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

L’assemblea della Popolare di Sondrio, convocata l’11 maggio, avrà per la prima volta in 150 an...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo mesi di battaglia legale e mediatica, Veolia e Suez annunciano di aver raggiunto un accordo per...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

La sfida all’ultimo chip tra Stati Uniti e Cina sta creando un «nuovo ordine mondiale dei semicon...

Oggi sulla stampa