Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Merkel, più soldi per salvare l’euro

Una parentesi rilassante allo stadio in attesa di una difficile maratona sul bilancio europeo: Angela Merkel e François Hollande si sono incontrati per mezz’ora prima del fischio di inizio dell’amichevole Francia-Germania. Una chiacchierata per confermare la volontà comune, malgrado qualche divergenza, di arrivare oggi a Bruxelles per trovare un compromesso a 27. La cancelliera, prima di partire da Berlino, ha fatto un passo importante. Una fonte governativa anonima ha fatto sapere che «il governo federale sa bene qual è la sua responsabilità nella ricerca di un accordo. I versamenti della Germania aumenteranno e il saldo netto tedesco sarà meno buono, lo sappiamo. E’ anche opportuno per ragioni di solidarietà». Ma questo, non basterà, avvertono a Berlino: «La soluzione non arriverà sotto la forma di un assegno tedesco». Ci vuole l’impegno di tutti ed è evidente che l’uomo che ha in mano il successo o il fallimento del vertice di oggi e domani è il sempre più euroscettico David Cameron, che più di altri chiede tagli severi al bilancio comunitario.
La difficile discussione fra i 27 assomiglia a un’equazione con molteplici incognite. Se c’è chi chiede tagli, c’è anche chi chiede di correggere il sistema
di sconti di cui godono molti paesi del nord: Monti arriva a Bruxelles deciso a strappare una diminuzione del contributo netto pagato dall’Italia all’Ue e non esita a minacciare il veto italiano. I capi di Stato e di governo non potranno scontentare nemmeno l’europarlamento, il cui voto sarà vincolante e cui non piacciono i tagli. Tra Hollande e la Merkel, dicono i consiglieri dell’Eliseo, «non esiste un disaccordo profondo ». I due, insomma, non intendono essere responsabili di un eventuale fallimento. E se a Berlino pensano che un accordo sia «accessibile», si guardano però dal mostrarsi troppo ottimisti: tutti devono fare concessioni, ripetono instancabilmente gli uomini della cancelliera.
Prima di godersi la partita, Hollande e la Merkel hanno cercato di eliminare le reciproche incomprensioni: i due sembrano intendersi bene sul piano personale, ma le loro visioni politico — economiche sono spesso divergenti. E’ il caso del livello dell’euro: secondo Hollande, che riprende così una posizione costantemente sostenuta da destra e sinistra francesi, la moneta è sopravvalutata e il suo livello rischia di compromettere la ripresa. Una posizione isolata, che non è sostenuta nemmeno da Spagna e Italia, che vedono nel rafforzamento dell’euro la fine della crisi e il ritorno degli investitori internazionali verso i loro titoli pubblici. Anche la Germania si dissocia: «La politica dei cambi non è uno strumento adatto per migliorare la competitività. Dà solo uno slancio a breve termine», ha detto il portavoce della Merkel. Hollande, come il suo predecessore, non ha nessuna speranza di trascinare i tedeschi sul terreno delle svalutazioni competitive.

Print Friendly, PDF & Email

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

Banche alla verifica degli stress test dopo il Covid. Quante sono le aziende affidate che hanno pos...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Dopo 10 anni passati a riaversi dai traumi della crisi finanziaria 2008 e cinque a tagliare i risch...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

«È una riforma importante quella di cui stiamo discutendo in questi giorni — dice il neo presid...

Oggi sulla stampa