Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Merkel e Macron placano i riottosi. Ma i «frugali» hanno il supersconto

Risolto anche il legame tra fondi e rispetto dello Stato di diritto, nella notte è stata la volta dei dettagli tecnici. Poi potranno tornare a casa e dirsi tutti vincitori, almeno in base all’ultima proposta del presidente del Consiglio europeo Charles Michel. I Paesi nordici definiti «frugali» e i Paesi del Sud difensori della «solidarietà». Perché il Recovery Fund, il pacchetto di aiuti pensato per sostenere i Paesi più duramente colpiti dalla crisi economica scatenata dal Covid, è rimasto del valore complessivo di 750 miliardi come proposto dalla Commissione europea, difeso da Germania e Francia, con il sostegno dell’Italia e degli altri Paesi del Sud e nella notte del terzo giorno di negoziato da 22 Paesi su 27. Per convincere i restanti cinque — Olanda, Austria, Danimarca, Svezia e Finlandia — è stato necessario sbilanciare il rapporto tra trasferimenti e prestiti a favore di questi ultimi, come chiesto con intransigenza dai nordici, che hanno trasformato il Consiglio europeo straordinario convocato per decidere sul Recovery Fund e sul bilancio Ue 2021-2027 in una maratona negoziale di 4 giorni.

Potrebbe sembrare che a perdere siano state Francia e Germania che avevano proposto e difeso 500 miliardi di aiuti. Ma forse sono le vere vincitrici, perché hanno imposto all’Unione un salto verso una maggiore integrazione facendo accettare a tutti gli Stati membri, anche i più riottosi, che la Commissione emetta debito comune garantito dal bilancio Ue. Una svolta storica.

I trasferimenti scendono da 500 a 390 miliardi e i prestiti salgono da 250 a 360 miliardi. Per salvare gli aiuti già «promessi» agli Stati Ue nella prima proposta (con criteri di allocazione predefiniti), la soluzione adottata da Michel è stata eliminare alcuni programmi che non avevano già un’assegnazione nazionale certa, come il fondo per la ricapitalizzazione delle imprese europee. L’Italia torna a casa con circa 208,8 miliardi di cui 81,4 di trasferimenti (solo 400 milioni in meno rispetto alla proposta della Commissione ) e 127,4 di prestiti (rispetto a 90,9). Andando ancora più nel dettaglio, l’Italia avrà a disposizione circa 63,5 miliardi di sovvenzioni e 127,4 miliardi di prestiti per fare le riforme e per trasformare l’economia del Paese secondo le priorità e le raccomandazioni dell’Ue.

 

Anche il nodo sulla governance, che ha bloccato il negoziato per giorni e che ha visto Italia e Olanda fronteggiarsi, è un compromesso che sembra una vittoria per Roma e per L’Aia: i piani di ripresa saranno approvati a maggioranza qualificata dall’Ecofin su proposta della Commissione e non all’unanimità come voleva il falco Mark Rutte, ma un singolo Paese potrà chiedere l’intervento del Consiglio per bloccare l’esborso se riterrà che c’è un allontanamento nell’attuazione delle riforme dagli obiettivi prestabiliti (la valutazione sarà fatta dagli sherpa dell’Ecofin). L’Olanda ottiene il suo «freno di emergenza» che congela l’esborso ma dopo un braccio di ferro notturno l’Italia riesce ad alleggerirlo: il Consiglio viene coinvolto però l’intera procedura ricade sotto la competenza della Commissione.

I frugali ottengono non solo che i «rebates» rimangano, ma sale lo sconto di cui godono sui contributi al bilancio dell’Ue, mentre quelli della Germania restano invariati. Si dovrà vedere se il Parlamento Ue, che è autorità di bilancio, darà il suo via libera a un budget da 1.074,3 miliardi.

Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

«La priorità oggi è la definizione di un piano concreto e coraggioso per fruire dei fondi dedicat...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Sempre più al centro degli interessi della politica, ora la Banca Popolare di Bari finisce uf...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

Il post-Covid come uno spartiacque. Le aspettative dei 340 investitori che hanno partecipato alla di...

Oggi sulla stampa