Siete qui: Oggi sulla stampa
Oggi sulla stampa

Il mercato torna a puntare su Mps Sogna il terzo polo con Bpm e Bper

MILANO — Se Mps resta in vetrina, e il cerchio dei potenziali “mariti” si stringe, il triangolo con Banco Bpm e Bper dal 2021 potrebbe essere una soluzione. Ci ha creduto la Borsa ieri, anche ascoltando il ministro dell’economia, Roberto Gualtieri, primo socio a Siena: «Il Tesoro sta lavorando molto bene e voglio fare i complimenti all’amministratore delegato e a tutti i manager. I dati sono molto positivi, discutiamo con l’Europa positivamente per una pulizia ulteriore dei crediti e nei tempi previsti arriverà la soluzione».
Lo scacco di Intesa su Ubi, unica che seriamente provò a rilevare Mps (con offerta approvata dal consiglio di gestione nel luglio 2016) elimina un candidato per il Tesoro, che ha il 68% del Monte e un impegno con l’Europa a cederlo entro il 2021. La fermezza del ministro ha fatto piovere acquisti sull’azione Mps, +11,46% perché si ritiene che le inseguitrici di Intesa Sanpaolo dovranno fondersi tra loro, e il premio del 28% offerto ai soci Ubi possa essere replicato. Anche Banco Bpm (+1,91%) e Unipol (+2,77%) sono salite. Trascurata Unicredit, il cui ad Jean Pierre Mustier ha ribadito «di non aver alcun interesse a fare fusioni e acquisizioni: non verremo coinvolti in alcuna transazione». L’ad di Banco Bpm Giuseppe Castagna, concentrato sul piano strategico che presenta il 3 marzo, ha glissato: «Noi stiamo facendo un piano in solitaria, reduci da una fusione importante e andremo avanti per la nostra strada». Per Equita sim proprio la sua banca è quella che «beneficia maggiormente » delle pressioni a nuove fusioni, per diversi fattori: quota a sconto rispetto alle rivali, «ha un azionariato molto frazionato e una governance non stabile» e ha «molto migliorato il profilo di rischio».
I fautori del “triangolo” lo ritengono lo scenario — residuo — più razionale per dar vita al terzo polo bancario, da 10 miliardi di capitalizzazione. È probabile se ne sia parlato anche nei contatti tra i vertici di Intesa e quelli del Tesoro, in occasione del blitz su Ubi. Tale menage , oltre che sgravare il Tesoro, ha tra i vantaggi che offre sinergie di costo e di ricavo, e dà un assetto italiano a tre banche rilevanti. Ci sono però almeno tre ostacoli da superare a riguardo. Il primo e più gravoso è l’eventuale ricapitalizzazione — a nove zeri — richiesta dalla Bce a fronte di una fusione che aumenta i rischi sistemici. Il secondo è la presenza pubblica nel capitale, maggioritaria anche dopo aver diluito le tre banche. Il terzo riguarda la “governance”: chi comanda, dove starà la direzione generale? Sono rovelli non da poco. Vero è che i discreti rapporti tra il governo e qualche protagonista potrebbero giovare. Si parla di Unipol e Fondazione Sardegna, insieme al 30% di Bper; del futuro vertice di Banco Bpm, dove con Castagna arriva Massimo Tononi; delle Fondazioni Crt, Lucca, Cariverona, Alessandria, insieme al 3,7% di Banco Bpm. Ma niente potrà cominciare fino al 2021, quando Bper avrà digerito i 500 sportelli Ubi e loro clienti che Intesa le promette ora. Soprattutto, nessun discorso può iniziare senza uno schema “di mercato” che convinca gli investitori dei fondi, egemoni dentro Banco Bpm.
Print Friendly

Condividi su

Potrebbe interessarti anche
Oggi sulla stampa

La crisi generata dal coronavirus colpisce frontalmente l’economia reale ma rischia di riflettersi...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

ROMA — Lavoratori pagati dalle banche anziché dall’Inps. È la soluzione che il governo sta pr...

Oggi sulla stampa

Oggi sulla stampa

BERLINO — La Bce ha deciso un altro passo importante. Per il bazooka appena sfoderato da 750 mili...

Oggi sulla stampa